Wimbledon non acquisterà copertura contro pandemie per il 2021

Il CEO di Wimbledon, Richard Lewis ha dichiarato che il torneo di tennis non sarà assicurato contro la pandemia nel 2021, a causa della difficoltà di ottenere una copertura nella situazione attuale.

I campionati sono stati elogiati per essere stati tra i pochi grandi eventi sportivi con la previsione di acquistare costantemente un’assicurazione contro la pandemia. L’evento è stato assicurato ogni anno per i 17 anni precedenti e riceverà una cospicua somma per l’annullamento del torneo 2020, che doveva iniziare questa settimana.

Ma ora, il suo CEO dice che è “impossibile” per Wimbledon assicurarsi una copertura contro la pandemia per l’evento della prossima estate.

Tuttavia, Lewis è ottimista sul fatto che la protezione tornerà disponibile una volta che l’industria si sarà lasciata alle spalle la crisi legata al COVID-19.

“Quello che vorrei dire sul futuro, però, è che quando ho iniziato nel 2012, c’erano alcuni segnali che alcune cose non fossero assicurabili, a causa della diffusione di virus come la SARS e l’influenza suina”, ha spiegato. “Subito dopo che una pandemia si è verificata non è possibile ottenere una copertura assicurativa, ma poco dopo sì. Il mercato ritorna. Quindi l’anno prossimo non ci sarà l’assicurazione, ma penso sia solo nel medio termine, perché abbiamo avuto un risarcimento, non dovrebbero esserci problemi nel lungo termine”.

Per quanto riguarda il valore effettivo del rimborso assicurativo dovuto a Wimbledon per la sua cancellazione nel 2020, Lewis ha ammesso che i numeri sono ancora in fase di elaborazione.

“Non siamo ancora arrivati alla fine dell’anno finanziario, che è la fine di luglio, e ci vorranno due o tre mesi per elaborare il resto del risarcimento assicurativo e anche per elaborare le cifre finali, quindi non lo sapremo fino alla fine dell’anno”, ha detto.

Wimbledon