Swiss Re: settore assicurativo globale in forte ripresa nel 2021 dopo il rallentamento dovuto al COVID-19

Secondo l’ultimo rapporto sigma di Swiss Re Institute, i premi assicurativi globali dovrebbero riprendersi nel 2021 dopo la contrazione di quest’anno a seguito della recessione economica indotta dal COVID-19.

Pur prevedendo una breve durata, Swiss Re avverte che la recessione di quest’anno è destinata a essere la più profonda dalla Grande Depressione degli anni Trenta.

Di conseguenza, si prevede che la domanda assicurativa globale diminuirà nel 2020, guidata da una contrazione del 6% nel segmento vita e da una contrazione molto meno drammatica dello 0,01% nel settore danni. A titolo di confronto, Swiss Re osserva che i premi vita sono cresciuti del 2,2% e i premi danni del 3,5% nel 2019.

Il riassicuratore elvetico afferma che uno dei motivi della contrazione lieve nel settore danni nel 2020 è che la pandemia in corso COVID-19 ha colpito in un momento di inasprimento dei tassi, che in ultima analisi ha sostenuto l’espansione dei premi. Per contro, dal lato vita, il contesto di bassi tassi di interesse implica che i prodotti di risparmio ne risentiranno maggiormente, mentre le coperture legate alla mortalità dovrebbero essere più stabili, afferma Swiss Re.

Il riassicuratore afferma che l’inasprimento dei tassi probabilmente persisterà nel ramo danni a causa delle perdite potenzialmente elevate e della contrazione dell’offerta assicurativa, soprattutto nei rami commercial. Questo, unito alla prevista ripresa dei premi assicurativi, sosterrà i guadagni a lungo termine.

Secondo sigma i premi più colpiti saranno quelli del settore assicurativo aziendale e dei viaggi, come quello marittimo, aeronautico e del credito, mentre i rami property e rc medica dovrebbero essere più stabili.

Nel complesso, Swiss Re prevede che il volume totale dei premi tornerà ai livelli pre-crisi nel 2021, insieme a una ripresa più prolungata dell’economia globale.

Jerome Jean Haegeli, Group Chief Economist di Swiss Re, ha commentato: “Il settore assicurativo sta mostrando una certa resistenza di fronte alla crisi economica guidata da COVID-19. L’entità delle perdite sui premi sarà simile a quella registrata durante la crisi finanziaria globale del 2008-09, anche se quest’anno la contrazione economica di circa il 4% sarà molto più grave. A differenza dell’economia globale, ci aspettiamo una forte ripresa dei premi assicurativi, un risultato notevole se si considera che il mondo è attualmente alle prese con la più profonda recessione di sempre”.

Nonostante la recessione globale, il rapporto di sigma rileva che nei mercati emergenti (guidati dalla Cina) la crescita dei premi rimarrà effettivamente positiva nel 2020, con un aumento dell’1%, con una crescita del 7% prevista per il 2021. Per i mercati avanzati, invece, le prospettive sono più impegnative, con una contrazione del 4% dei premi globali prevista per quest’anno e un ritorno a una crescita positiva superiore al 2% nel 2021.

Per quanto riguarda l’onere dei sinistri dovuto alla pandemia, Swiss Re osserva che, sebbene le prospettive rimangano ampiamente incerte, il settore assicurativo è molto ben capitalizzato per assorbire le perdite. Indubbiamente, la redditività del settore sarà messa a dura prova dal fatto che le compagnie dovranno affrontare le perdite legate alla pandemia, oltre a rendimenti degli investimenti ridotti a causa dei bassi tassi d’interesse.

“La posizione patrimoniale del settore dovrebbe essere in grado di gestire lo shock COVID-19″. Le stime più pessimistiche dei sinistri totali dei rami property e casualty secondo la maggior parte delle analisi assicurative esterne è di 100 miliardi di dollari, di entità simile alle perdite causate dagli uragani Harvey, Irma e Maria nel 2017, che il settore ha assorbito”, ha dichiarato Haegeli. “L’esperienza COVID-19 evidenzia l’importanza della copertura assicurativa per le pandemie. È una lezione per gli assicuratori e i responsabili politici che, nell’interesse della stabilità sociale ed economica a lungo termine, dovrebbero cercare di sviluppare più soluzioni di partenariato pubblico-privato per i rischi di pandemia”.

Inoltre, Swiss Re afferma che la pandemia “accelererà altri cambiamenti di paradigma”, come la ristrutturazione delle catene di fornitura globali, nuovi pool nel settore delle assicurazioni di proprietà, ingegneria e fideiussioni.

Swiss Re