Germania, i consumatori intraprendono un’azione legale contro la tariffa “Vitality”

Le polizze “Vitality” finiscono in Germania sotto accusa da parte delle associazioni dei consumatori. Il principio di queste polizze è che i clienti ricevano sconti e premi dalle aziende cooperanti se conducono uno stile di vita sano e dimostrano questo comportamento monitorando se stessi e inserendo i dati in un’app.

Già allora la compagnia era stata criticata per queste modalità tipo “Big Brother”. Ora però il Bund der Versicherten (BdV) ha citato in giudizio la società controllata dal Gruppo Generali Dialog-Lebensversicherung.

I protettori dei consumatori accusano l’assicuratore di aver ingannato i clienti della sua tariffa “SBU-professional Vitality” offrendo condizioni poco trasparenti e ingiuste. Chi vuole stipulare un’assicurazione per l’invalidità professionale deve pagare cinque euro al mese per il programma Vitality di Generali, oltre ai costi effettivi. In seguito, si può dimostrare un “comportamento consapevole della salute” e allenarsi dal bronzo all’argento e all’oro fino al platino. Premi e premi ridotti, come i voucher Amazon o i fitness tracer scontati di Garmin – con i quali è possibile raccogliere i dati sanitari in modo ancora più semplice.

Il BdV considera illegale l’attuazione concreta, perché: “i consumatori imparano che il comportamento in materia di salute può cambiare il contributo, ma non i parametri con cui questo viene misurato”, dice Axel Kleinlein, portavoce dell’associazione. I clienti non possono né prevedere in anticipo né verificare in seguito come e perché devono pagare più o meno l’assicurazione. “In nessun punto del contratto sono definiti a tal fine criteri chiari e comprensibili”, critica il BdV.

Infatti, il documento PDF di 26 pagine con le condizioni d’assicurazione contiene solo vaghe indicazioni su come “altri comportamenti consapevoli” influiscono sull’importo del premio. “Il livello di partecipazione agli utili dipende da molte influenze che non sono prevedibili e che possono essere influenzate da noi solo in misura limitata”. La partecipazione non può quindi essere garantita. “Può anche essere zero euro”.

Per i dettagli, la Dialog-Lebensversicherung fa riferimento al rapporto annuale, che i clienti devono cercare da soli. Ma anche lì, si lamenta il BdV, ci sono solo norme generali e nessuna indicazione concreta. Questo è uno dei motivi per cui i protettori dei consumatori paragonano la tariffa ad un “gatto nel sacco”, dove non si sa cosa si ottiene. “Con il programma Vitality, tuttavia, è anche possibile che non ci sia nemmeno un gatto nel sacco”, dice Kleinlein. Se l’assicuratore non fa un surplus, i clienti potrebbero andare in palestra tutti i giorni e mangiare tutti i broccoli che vogliono – ma il loro premio non scenderà comunque.

Il BdV aveva chiesto all’assicuratore di modificare o cancellare le clausole. Cosa che la compagnia non ha voluto fare. Per questo motivo l’associazione sta ora intraprendendo un’azione legale, anche se solo contro singole clausole, non contro il Vitality Program stesso – che tuttavia critica come dannoso per i consumatori.

Nonostante tutte le critiche, è fondamentalmente legale lasciare che i clienti paghino in parte con i loro dati. Ma mentre più di 16 milioni di persone in tutto il mondo utilizzano il Vitality Program basato sul comportamento, l’interesse per la Germania è stato finora limitato, probabilmente per lo scetticismo sull’uso eccessivo dei dati dei clienti per calcolare i premi assicurativi.

Vitality