Germania. Barometro Broker 2020: più lavoro e meno entrate

Le prospettive non sembrano affatto rosee per gli intermediari, nemmeno per quelli tedeschi. Lo confermano gli esiti del “Barometro Broker 2020” realizzato da Policen Direkt Versicherungs-Vermittlung GmbH, che segnala un andamento negativo delle vendite da parte degli intermediari indipendenti.

Il crollo delle vendite nella crisi avviata dalla pandemia sta costringendo i broker assicurativi più anziani a continuare a lavorare anche da pensionati: il 60 percento degli over 55 ha dichiarato nel sondaggio di voler continuare a lavorare oltre l’età pensionabile prevista dalla legge o probabilmente di essere costretto a farlo.

Ciò significa “che essi [i broker] equiparano la commissione esistente a una rednita previdenziale e non si occupano dei clienti se non su richiesta”, conclude Policen Direkt.

Lo studio si basa su un sondaggio online condotto tra il 26 maggio e il 15 giugno. Secondo il gruppo di Francoforte, 463 partecipanti hanno risposto al questionario in modo completo.

Il 67% dei broker assicurativi teme perdite entro la fine del 2021
La maggior parte degli ultrasessantacinquenni (67%) non ha ancora avviato una successione nell’attività di intermediazione. Nel caso di broker di età superiore ai 70 anni, il 40 per cento non ha ancora un piano su chi dovrebbe prendere il loro posto nella presidenza esecutiva dopo di loro.

Secondo il sondaggio, tuttavia, non sono solo i lavoratori autonomi più anziani ad essere sotto pressione: 1 venditore più giovane su 6 sotto i 55 anni sta pensando di smettere di lavorare. “In tutte le fasce d’età, più del cinque per cento si trova ad affrontare difficoltà finanziarie che minacciano la propria esistenza a causa della pandemia”, scrive Policen Direkt.

La ragione degli aspetti menzionati potrebbe essere la mancanza di prospettiva nella vendita di assicurazioni: La maggioranza, il 67 per cento dei broker intervistati, crede negli effetti finanziari negativi della crisi “almeno fino alla fine del 2021”.
Uno studio di EY-Parthenon Financial Services GmbH prevede anche un crollo in tutti i segmenti del settore assicurativo. Secondo gli esperti ciò porterà a operazioni di consolidamento tra broker e agenti.

Il 49 per cento dei partecipanti al barometro dei broker vede un calo negli affari persone, il 30 per cento segnala perdite significative nel settore immobiliare. Per il 39 per cento il numero di richieste di servizi è aumentato considerevolmente. Per i broker, questo significa “più lavoro per meno entrate”.

“Sono particolarmente colpiti i modelli di business orientati alla conclusione, le aziende che si concentrano su clienti aziendali e le aziende che lavorano con processi puramente analogici. Chiunque sia ancora dipendente da capitali esterni vive ora un momento particolarmente difficile”, afferma Philipp Kanschik, membro del consiglio di amministrazione di Policen Direkt.

Secondo il Barometro 2020, un acquirente di portafoglio su cinque vuole uscire dal mercato. Gli acquirenti più piccoli e locali si ritirerebbero perché non hanno esperienza. “Gli acquirenti esistenti stanno diventando sempre più grandi e più digitali”, secondo Kanschik.

L’esperto per la successione dei broker non vede un calo di prezzo per i portafogli di qualità: “Questo vale soprattutto per i broker che hanno forti legami con i loro clienti e che hanno i dati corrispondenti disponibili in formato digitale e li mantengono bene”.

Fonte: Versicherungsjournal

Broker