Generali, prima pubblicità globale

di Giovanni Galli
Generali lancia la prima campagna pubblicitaria globale nei suoi primi 189 anni di storia. Tema della pianificazione: la celebrazione degli oltre 150 mila agenti che rappresentano concretamente il significato dell’essere «Partner di Vita» per i propri clienti. Il gruppo assicurativo di Trieste è nato, infatti, nel 1831 e adesso vuole mettere maggiormente in risalto il ruolo fondamentale dei suoi agenti, definiti gli «eroi» di Generali che offrono prodotti e servizi personalizzati alla clientela.

«Rappresentano il vero volto del Partner di Vita nelle comunità locali e per questo vengono posti al centro della campagna, che offre loro l’opportunità unica di personalizzare la propria azione locale ponendosi come punto di riferimento per offrire una consulenza informata ai propri clienti in qualunque momento», ha precisato ieri con una nota il gruppo oggi presente in 50 paesi, con una raccolta premi complessiva superiore ai 69,7 miliardi di euro nel 2019, quasi 72 mila dipendenti in tutto il mondo e soprattutto 61 milioni di clienti, sparsi tra Europa, Asia e America Latina.

Nel dettaglio, la campagna pubblicitaria si articola in tre fasi: la prima è focalizzata ora sugli agenti, a cui seguirà poi una seconda parte, programmata per ottobre, che sarà dedicata invece al brand mentre una terza e ultima fase sarà incentrata sui prodotti e le direttrici chiave delineate per il 2021. La campagna pubblicitaria globale è stata realizzata in partnership con il gruppo Dentsu, che ha vinto la gara e ricevuto anche l’incarico di creare una piattaforma globale di comunicazione proprio per la business strategy «Lifetime Partner» di Generali. Agenzia globale è dentsu mcgarrybowen, mentre per l’Italia l’adattamento è di The Big Now e la pianificazione a cura di Dentsu X Italia, tutte dello stesso gruppo.

I messaggi comunicativi verranno inizialmente lanciati in Italia e Spagna; quindi partirà la pianificazione pensata per i mercati della Polonia, Indonesia, Ungheria e Austria, e a seguire la campagna verrà veicolata in una dozzina di altre nazioni in cui il gruppo opera. I mezzi di comunicazione scelti spaziano attraverso molteplici canali, includendo televisione, stampa, radio, affissioni, social media e piattaforme web. La campagna include un mix di supporti digitali e si rivolge ai segmenti specifici di maggiore interesse per il gruppo assicurativo italiano.

«Costruire un brand forte è un pilastro fondamentale della strategia Generali 2021», ha affermato Isabelle Conner, group chief marketing & customer officer. «Significa offrire una esperienza multicanale continua, prodotti e servizi su misura, ma anche essere capaci di entrare in contatto emotivo con i clienti. Ecco perché abbiamo voluto uscire in questo momento con un messaggio empatico e audace, soprattutto ora che la vita sta ripartendo dopo la pandemia del Covid-19. L’unicità di Generali», ha concluso Conner, «sta nella nostra Reditude, che potremmo tradurre “atteggiamento rosso”: il rosso è il colore di Generali, rappresenta la nostra empatia e la nostra umanità mentre l’atteggiamento consiste nel nostro spirito, la passione, il dinamismo e la propositività. Sono queste le qualità che le persone cercano in un brand, qualità che aggiungono valore alla vita dei clienti».

© Riproduzione riservata

Fonte: