Francia: in autunno pronto un piano per assicurare la pandemia

La relazione del gruppo di lavoro sulla “gestione dei rischi eccezionali” è stata presentata questa settimana al ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire. L’obiettivo di questo gruppo di lavoro è quello di considerare una soluzione collettiva per coprire le perdite finanziarie delle aziende in caso di un evento eccezionale simile al Covid-19. Il gruppo di lavoro, istituito il 27 aprile, comprendeva membri del Parlamento, organizzazioni dei datori di lavoro e rappresentanti della professione: la Federazione francese delle assicurazioni (FFA), l’Associazione dei professionisti della riassicurazione (APREF), il Fondo centrale di riassicurazione (CCR), il sindacato dei broker Planète CSCA e la Federazione nazionale dei gruppi aziendali agenti (AGEA).

Se da un lato la relazione presenta diverse opzioni per quanto riguarda l’ambito di intervento, i rischi connessi, la ripartizione del rischio tra il mercato privato e lo Stato e il contratto di assicurazione su cui il sistema potrebbe basarsi, dall’altro non decide in modo definitivo l’architettura del futuro sistema (che potrebbe essere assicurativo o solo parzialmente). “Non c’è la bacchetta magica”, avverte Bercy. Come ha sottolineato Lionel Corre, Vice Direttore delle Assicurazioni del Tesoro francese a L’Argus “non esiste una soluzione replicabile” nella sua forma attuale per coprire il rischio di chiusura amministrativa o di interruzione dell’attività causato da un evento eccezionale. Evocati come modelli in termini di condivisione del rischio, il regime delle catastrofi naturali o il GAREAT, il pool creato per compensare i danni materiali derivanti da attacchi terroristici, non può essere semplicemente duplicato.

Il governo vuole quindi rivolgersi ora alle aziende e ai loro rappresentanti per valutare le loro aspettative sul sistema futuro. Questo è lo scopo della consultazione pubblica avviata e aperta fino al 31 agosto, accessibile sul sito https://bit.ly/consultation-risquesexceptionnels. Il governo intende presentare il futuro sistema in autunno, probabilmente nel disegno di legge finanziaria per il 2021, che comprenderà il piano di ripresa economica.

Secondo le simulazioni FFA, calcolate sulla base del calo del PIL osservato durante il contenimento, la pandemia Covid-19 rappresenterebbe un totale di 120 miliardi di euro di perdite di margine lordo per le imprese francesi, di cui 51 miliardi di euro di stipendi, 5 miliardi di euro di oneri finanziari, 18 miliardi di euro di utili e 46 miliardi di euro di altri oneri fissi. Nella sua piattaforma di proposta denominata “Catex”, per i disastri eccezionali, la Federazione ha proposto di versare un “capitale di resilienza” alle PMI, sotto forma di una somma forfettaria, calcolata sulla base della perdita del margine lordo, esclusi gli stipendi e i profitti.

L’idea di un risarcimento forfettario è sostenuta dalla maggioranza delle parti interessate, data l’entità del disastro. “Troviamo difficile prevedere un puro risarcimento”, conferma Lionel Corre. Ma la somma forfettaria è meno adatta alle grandi aziende”, ha ricordato Brigitte Bouquot, ex presidente dell’AMRAE. Una delle difficoltà nel progettare una soluzione che soddisfi il maggior numero possibile di persone è quella di mettere in comune i rischi delle piccole, medie e grandi aziende.

Secondo le simulazioni dell’FFA, le TNS/VSE/SME registrerebbero il maggior numero di perdite: 51 miliardi di euro, contro i 32 miliardi di euro delle ETI e i 37 miliardi di euro delle grandi imprese. Per quanto riguarda il settore alberghiero, l’industria alberghiera è la più esposta al disastro di Covid-19 con una perdita media di 81.000 euro in 2 mesi (esclusi stipendi e guadagni), contro i 35.000 euro per gli organizzatori di fiere e congressi e i 14.500 euro per i ristoratori.

Il rapporto sottolinea anche la resilienza delle imprese attraverso l’autoassicurazione e la riserva, che potrebbe essere sostenuta dallo Stato attraverso incentivi fiscali e prodotti d’investimento dedicati. Questa soluzione basata su base individuale sembra più adatta alle grandi aziende con risk manager e risorse come le società di riassicurazione captive.

Un’altra questione centrale è quella del contratto di assicurazione su cui si baseranno i contributi per il finanziamento del regime: sarà un contratto obbligatorio o facoltativo, o una estensione obbligatoria basata su un contratto facoltativo? E se sì, su quale garanzia? La copertura per l’interruzione dell’attività è sottoscritta dal 50% delle VSE/PMI, dall’80% delle piccole e medie imprese e dal 91% delle grandi imprese. L’assicurazione contro gli incendi, che non è direttamente correlata ai danni risarciti, permetterebbe di generalizzare ulteriormente la copertura perché è sottoscritta al 100% da tutte le aziende francesi, indipendentemente dalle loro dimensioni. Questo punto specifico merita “ulteriori analisi quantitative”, sottolinea il rapporto.

Infine, la questione cruciale rimane quella della ripartizione degli oneri tra il mercato privato e lo Stato. “La sfida per lo Stato francese, che ha liberato 460 miliardi di euro in misure di solidarietà durante questa crisi, è di trovare una soluzione meno costosa per le finanze pubbliche in futuro, coinvolgendo il mercato privato. Lo Stato farà la sua parte, ma l’obiettivo di tale misura è che le assicurazioni private riprendano il loro posto nella gestione di questi rischi”, ha dichiarato il gabinetto di Bruno Le Maire. Un tale schema coinvolgerebbe gli assicuratori, poi i riassicuratori privati e infine lo Stato attraverso il CCR al di là di un certo importo predefinito di sinistri. La maggioranza dei partecipanti al gruppo di lavoro è a favore di un nuovo schema ad hoc, piuttosto che di un sostegno a GAREAT (difeso tra l’altro da Planète CSCA).

La FFA ha proposto un regime ispirato sia al GAREAT (pool di assicuratori, riassicurazione privata e poi l’intervento di stop-loss del CCR al di sopra dei 2 miliardi di euro) sia al cat’ nat’ scheme (ripartizione degli oneri tra gli assicuratori e lo Stato a partire dal 1° euro attraverso un trattato di quote con il CCR). Tuttavia, i riassicuratori privati hanno avvertito il mercato delle difficoltà incontrate nell’esprimere le loro capacità in caso di sistema multi-peril. In effetti, il governo vuole estendere il campo di intervento oltre la pandemia anche alle rivolte/ disordini sociali e ai disastri naturali. Per i riassicuratori, una soluzione a un unico pericolo – la catastrofe sanitaria – sarebbe più fattibile, poiché gli altri rischi potrebbero essere affrontati in modo più completo.

In totale, sembrano emergere quattro scenari – ma nessuno di essi ha il pieno consenso, avverte Bercy:

  •  uno schema che copre il solo rischio di pandemia o di grave crisi sanitaria, associato alla copertura dei danni alle proprietà, con l’intervento degli assicuratori, dei riassicuratori privati e dello Stato tramite il CCR;
  • uno schema che copre un elenco limitato di pericoli (pandemia, rivolte), associato alla copertura dell’interruzione dell’attività, con l’intervento degli assicuratori, dei riassicuratori privati e dello Stato tramite il CCR, mentre gli altri pericoli (terrorismo e cat’ nat’) vengono riassicurati tramite gli schemi esistenti;
  • un regime generico innescato da una decisione interministeriale, che copra i pericoli sistemici non esaustivamente definiti e associati alla garanzia di interruzione dell’attività, in cui intervengano gli assicuratori e il CCR, ma non i riassicuratori privati;
  • una soluzione non assicurativa basata sulla resilienza delle singole aziende.

pandemia