Covid-19: un impatto di 456 milioni di euro per SCOR

La pandemia di Covid-19 e il contenimento generalizzato della popolazione mondiale costituiscono “un grande shock storico”, secondo Denis Kessler, CEO di SCOR. Ma il riassicuratore, il cui rating è stato recentemente confermato dalle agenzie S&P e Fitch, è in grado di assorbirlo. Il suo coefficiente di solvibilità alla fine del primo semestre del 2020 si attesta al 205%, nella zona ottimale definita nel suo piano strategico Quantum Leap. Anche se è in calo, come per il mercato nel suo complesso, a causa degli effetti macroeconomici e ai tassi di interesse più bassi.

Questa crisi, causata da un “rischio seriale” – i cui effetti accelerano progressivamente nel tempo – ha ovviamente scosso SCOR sia sul suo attivo che sul suo passivo. Il quarto più grande riassicuratore al mondo ha registrato nel secondo trimestre rettifiche di valore di attività per 14 milioni di euro, un impatto limitato a causa della sua bassa esposizione alle azioni e della sua strategia di gestione patrimoniale difensiva. Sul lato del passivo, “tutte le linee di business sono interessate”, sottolinea Denis Kessler, con Covid-19 che presenta la particolarità di un “rischio correlato a rischi normalmente non correlati”.

Gli effetti della pandemia si sono fatti sentire soprattutto nel settore della riassicurazione Danni/Infortuni (P&C). Mentre SCOR ha ricevuto finora solo 74 milioni di euro di dichiarazioni di sinistri per Covid-19 nel ramo P&C, il riassicuratore stima, sulla base della modellazione delle dichiarazioni future, che la spesa “ultima” salirà a 248 milioni di euro al netto della retrocessione al lordo delle imposte. Un onere registrato nei suoi conti per il secondo trimestre.

Le esposizioni di SCOR sono molto limitate in termini di D&O, di responsabilità generale e di copertura dei casi di medmal. Il riassicuratore non stipula in modo specifico la copertura “Infortuni sul lavoro” né la copertura per l’annullamento, il rinvio o il trasferimento di eventi, a differenza dei leader mondiali Swiss Re e Munich Re, che pagano il conto per l’annullamento dei Giochi Olimpici, in particolare. L’esposizione del Gruppo al rischio di cancellazioni è “molto limitata e deriva esclusivamente da trattati multisettoriali”, sottolinea SCOR.

Per quanto riguarda il rischio credito, oltre alle perdite operative, le stime devono essere affinate nella seconda metà dell’anno, avverte SCOR. “L’incertezza politica è difficile da modellare”, osserva Denis Kessler. In particolare, la modellizzazione del rischio credito tiene conto delle misure messe in atto dai governi e dalle banche centrali per sostenere il tessuto economico. “Contrariamente all’ultima crisi finanziaria, possiamo vedere che i governi hanno reagito molto prima per aiutare le aziende, il che suggerisce che il costo sarà inferiore”, spiega Denis Kessler.

Per quanto riguarda i danni da interruzione di attività, l’impatto maggiore non è necessariamente quello atteso. Mentre la questione delle “interruzioni di attività” ha fatto molto rumore negli Stati Uniti, la copertura delle interruzioni di attività in assenza di danni e delle interruzioni di attività che si applica esplicitamente in caso di pandemia è “rara negli Stati Uniti” e “generalmente con sottolimiti in Asia-Pacifico”. Di conseguenza, la perdita è maggiore in Europa occidentale, in particolare in Svizzera, Germania e Regno Unito. “Non abbiamo particolari preoccupazioni nel mercato francese”, afferma Laurent Rousseau, Deputy Chief Executive Officer di SCOR Global P&C. “Attenzione però ai rischi di accumulo a cui sono esposti i riassicuratori”, aggiunge Denis Kessler.

Nel ramo vita, SCOR ha ricevuto finora solo 63 milioni di euro di richieste di risarcimento e il riassicuratore ha addebitato 194 milioni di euro ai propri conti in base all’impatto stimato della pandemia. La copertura del rischio di mortalità negli Stati Uniti rappresenta la maggior parte dell’esposizione. SCOR ha registrato una riserva di 182 milioni di euro (al netto della retrocessione e al lordo delle imposte) per coprire i sinistri legati alla pandemia negli Stati Uniti fino al 30 giugno 2020 e una riserva aggiuntiva di 12 milioni di euro per le sue esposizioni in Europa e in Asia-Pacifico.

In totale, il costo di Covid-19 nei conti di SCOR ammonta a 456 milioni di euro (al netto della retrocessione, al lordo delle imposte). Per SCOR, la pandemia costituisce un “earnings event”, vale a dire una perdita di profitti. L’utile netto è diminuito del 90% nel primo semestre del 2020, scendendo a 26 milioni di euro e il rendimento del capitale proprio (RoE) è sceso di 9 punti allo 0,8%. La buona notizia, tuttavia, è che il gruppo, sufficientemente capitalizzato, ha visto il proprio business continuare a crescere, del 2,3% a cambi correnti e dell’1% a cambi costanti.

Per il futuro, SCOR è piuttosto ottimista. Mentre la pandemia potrebbe essere un vettore di nuovi affari nel settore vita, il riassicuratore intende beneficiare soprattutto dell’inasprimento del mercato della riassicurazione dei grandi rischi e della riassicurazione danni e infortuni. Il ritorno di questo ciclo positivo è confermato dall’aumento del tasso dell’8,2% osservato durante i rinnovi di giugno-luglio (15% del portafoglio SCOR). “La ripresa dei tassi si concentra principalmente sul mercato immobiliare negli Stati Uniti. È più timido nel mercato della responsabilità civile, che dovrebbe continuare a riprendersi”, sottolinea Laurent Rousseau. Dall’inizio dell’anno, il miglioramento delle condizioni tariffarie per il ramo P&C si attesta ora al 4,1%.

A medio termine, lo sviluppo di SCOR dovrebbe essere guidato dalla crescita endogena. Un’acquisizione della società bermudiana PartnerRe, a lungo ambita sotto il nome in codice “Projet Parfum” prima che la sua rivale Covéa entrasse in trattative esclusive con l’azionista Exor a marzo, per poi gettare definitivamente la spugna a maggio, non è all’ordine del giorno, secondo Denis Kessler. Per quanto riguarda la governance di SCOR, in particolare dell’attivista CIAM, che chiede la separazione delle funzioni di Presidente e di Amministratore Delegato dopo l’uscita di Denis Kessler nel 2021, non è in discussione per il momento il cambiamento delle regole. Mentre  l’ACPR, è tornato sulla questione la scorsa settimana, raccomandando in un comunicato stampa di separare le funzioni nei principali gruppi (quotati o non quotati), Denis Kessler ha sottolineato che “non vi è alcun obbligo legale in Francia o in Europa di separare le funzioni nelle compagnie di assicurazione”.

SCOR