Assimoco, al via la Rete Eticapro, network distributivo ispirato al “modello benefit”

Il Gruppo Assimoco ha dato vita alla Rete Eticapro. Al momento sono state accreditate 30 Agenzie che hanno anche ratificato una Carta dei Valori che pone al centro l’attenzione, la cura e la centralità della persona e un percorso di crescita comune.

Oltre alle 30 Agenzie fanno parte della Rete Eticapro anche BCC di Brescia e Raiffeisen Servizi Assicurativi che si aggiungono a CAES Italia (Consorzio Assicurativo Etico Solidale)  e alla rete di Filiali, Banchieri Ambulanti e Consulenti di Finanza Etica di Banca Etica presenti su tutto il territorio nazionale .

La Rete Eticapro sposa appieno la filosofia e la strategia del Gruppo Assimoco, ossia fare impresa non solo per creare profitto ma al tempo stesso per portare protezione alle persone e per attivare una forza rigenerativa per la società e per il benessere del pianeta. Un percorso che, a fine 2019, ha portato Assimoco ad acquisire la qualifica di società Benefit, dopo aver ottenuto, ormai oltre due anni fa, la certificazione B Corp.

La Rete è stata battezzata Eticapro in nome della più ampia iniziativa strategica dedicata al Terzo Settore e al Consumo Critico e frutto della partnership  tra il Gruppo Assimoco, CAES Italia e Banca  Etica. Eticapro si declina attraverso un posizionamento identitario, un modello distributivo dedicato, una gamma di prodotti e servizi distintivi e identificati da un marchio, pensati e realizzati per gli Enti del Terzo Settore e il Consumo Critico.

In concreto il modello prevede che gli Intermediari si impegnino a perseguire una duplice finalità: profitto e impatto, attraverso la misura dei propri impatti sociali e ambientali. L’Intermediario è accreditato sulla base di parametri tecnico-qualitativi ispirati ai valori e agli impegni condivisi.

Gli Agenti che hanno aderito alla Rete si impegnano a sottoscrivere la Carta dei Valori del Progetto “Eticapro”, a perseguire obiettivi di beneficio comune e a misurare il proprio impatto sociale e ambientale attraverso un questionario BIA (Business Impact Assessment) da ripetere ogni 2 anni.

I Partner Intermediari della Rete partecipano costantemente anche a incontri e sessioni di formazione valoriale focalizzati sulla Riforma del Terzo Settore, sulla finanza etica e sul consumo critico.