Tribunale USA: Amazon responsabile per prodotto difettoso venduto da fornitore terzo tramite il portale

Una Corte d’appello federale USA ha deciso contro Amazon.com Inc. in un caso che potrebbe esporre il rivenditore online a cause legali da parte di clienti che acquistano prodotti difettosi da fornitori terzi attraverso il suo sito web.

Numerose altre corti, tra cui due corti d’appello federali, hanno stabilito in passato che Amazon non può essere ritenuta responsabile come venditore di prodotti di fornitori terzi. La nuova sentenza della 3a Corte d’Appello del Circuito Americano di Philadelphia, che ha rovesciato una decisione della corte di primo grado, sembra essere la prima a invertire questa tendenza.

Oltre a vendere prodotti propri, Amazon consente a fornitori terzi di elencare i prodotti in vendita sul suo sito web. Tali fornitori possono immagazzinare i loro prodotti nei magazzini di Amazon o spedirli direttamente ai clienti.
Amazon ha ricavato circa 11 miliardi di dollari dai servizi che ha fornito ai venditori terzi per il trimestre conclusosi a marzo. Circa la metà degli articoli venduti su Amazon provengono da società terze.
La responsabilità per i prodotti difettosi è generalmente regolata dalla legge statale, e la decisione di mercoledì si basa sulle leggi della Pennsylvania, dove vive il cliente, Heather Oberdorf.
Oberdorf ha citato Amazon nel 2016 in un tribunale federale in Pennsylvania, dicendo che era stata accecata ad un occhio a causa di un guinzaglio retrattile acquistato attraverso il sito web dell’azienda da un fornitore terzo, che si era spezzato e riavvolto, colpendola al volto.

La Furry Gang ha spedito il guinzaglio direttamente a Oberdorf dal Nevada. Né Oberdorf né Amazon è stata in grado di localizzare alcun rappresentante della Furry Gang, che non è attiva sul sito di Amazon dal 2016, secondo gli atti giudiziari.
Secondo il giudice Jane Richards Roth Amazon potrebbe essere responsabile in parte perché il suo modello di business “consente ai fornitori terzi di nascondersi al cliente, senza che i clienti danneggiati da prodotti difettosi possano fare ricorso diretto al fornitore terzo”.
Ora tocca al tribunale di primo grado, che dovrà decidere se il guinzaglio era effettivamente difettoso.

Fonte: Insurance Journal