Munich Re: primo semestre 2018 “tranquillo” per le catastrofi naturali

Inizia fortunatamente sotto tono il 2018 per quanto riguarda le catastrofi naturali, dopo un anno di perdite record.

Secondo i dati provvisori di Munich Re, i danni globali sarebbero intorno ai 33 mld di dollari, attestandosi al livello più basso dal 2005 (29 mld) e a circa metà dello scorso anno.

I danni assicurati ammontano approssimativamente a 17 mld $ (contro i 25,5 del I semestre 2017), in media con i dati semestrali degli ultimi 30 anni.

Circa 3.000 persone hanno comunque perso la vita a causa di catastrofi naturali, una cifra comunque molto al di sotto della media del lungo periodo (28.000).

Il NatCatSERVICE database ha registrato 430 eventi rilevanti, un numero superiore alla media di lungo termine (250) e persino dello scorso anno (380).

Le tempeste di vento e il gelo in Europa e nel Nord America durante i mesi invernali sono in primo piano nelle statistiche per la prima metà dell’anno.
L’evento più distruttivo è stato la tempesta Friederike, che ha attraversato il Regno Unito, la Francia settentrionale, gli stati del Benelux e la Germania a metà gennaio, con velocità fino a 150 km / h su terreno pianeggiante e 200 km / h in aree elevate. Migliaia di edifici e veicoli a motore sono stati danneggiati. In Germania, i viaggi in treno a lunga distanza sono stati interrotti dopo che alberi sradicati avevano danneggiato le linee in molti luoghi. Le perdite complessive sono ammontate a € 2,2 miliardi, di cui € 1,7 miliardi assicurati, riflettendo l’elevata densità assicurativa della copertura da tempesta in Europa. Circa due terzi delle perdite si è verificato in Germania. Solo poche settimane prima nelle stesse regioni, la tempesta Eleanor (conosciuta in Germania come Burglind) aveva causato danni vicino al miliardo di euro.
In totale, le perdite invernali in Europa sono ammontate a € 3,9 miliardi, di cui € 2,9 miliardi assicurati. L’inverno in Nord America ha causato perdite complessive nel primo semestre per 3,8 miliardi di dollari USA e perdite assicurate per 2,7 miliardi.

Nel sud e nell’ovest della Germania, così come in Francia, una serie di temporali hanno innescato tra maggio e giugno inondazioni improvvise in molti luoghi. Le perdite complessive sono state pari a circa € 1,6 miliardi, con perdite assicurate di almeno € 900 milioni.

Nel complesso, le perdite causate da forti temporali sono in aumento in Germania. Mentre le tempeste di vento e i danni da grandine godono di un diffuso livello di copertura assicurativa, la quota di perdite assicurate da alluvioni improvvise è in genere ben al di sotto del 50%.

All’incirca nello stesso periodo, la Germania nord-orientale, la Danimarca, parti della Polonia, della Scandinavia, degli Stati baltici e dei Balcani hanno conosciuto temperature molto elevate e tempo estremamente secco. Un risultato di questo è che il raccolto di grano sarà molto povero in molte delle regioni colpite. Si teme una forte diminuzione dei rendimenti o addirittura perdite totali.