Attentato di Nizza: 2.135 vittime indennizzate

Due anni dopo l’attentato terroristico di Nizza sulla promenade des Anglais, il Fonds de garantie des victimes d’actes de terrorisme et d’infractions de droit commun (FGTI) ha già cominciato a indennizzare 2135 vittime (dirette e parenti delle vittime).

L’organismo parastatale,  creato nel 1986, ha ricevuto attualmente 3.300 richieste di risarcimento, di cui 850 sono state rigettate perché le persone in questione non erano nel perimetro dell’attacco. Poiché l’attacco di Nizza è avvenuto in un ambiente aperto, l’unica lista di vittime (LUV) trasmessa dall’ufficio del procuratore antiterrorista è stata questa volta insufficiente. Una zona di pericolo allargata è stata definita nel consiglio di amministrazione, e comprende la via di circolazione del camion attentatore,  il marciapiede e l’altra corsia, la spiaggia e le  terrazze.

Ad oggi sono stati erogati 37 mln di euro dal fondo, anche se per ora si tratta di “riserve”. Per le lesioni personali  è necessario attendere il consolidamento dello stato della vittima al fine di giudicare i danni definitivi. Inoltre, altre vittime potrebbero fare richiesta di risarcimento, dal momento che hanno 10 anni di tempo per farlo.

Di fronte alla recrudescenza degli attacchi, il governo ha deciso di sostenere le finanze di FGTI. Il 1 ° gennaio 2017, la “taxe attentat”, ovvero il contributo prelevato sui contratti danni ai beni, è stato aumentato da € 4.30 a € 5.90. Lo Stato fornisce, inoltre, garanzia finanziaria quando il livello delle spese annuali per il risarcimento delle vittime di atti terroristici verificatisi dopo il 1 gennaio 2017, è superiore a € 160 milioni.

Secondo le prime stime, il costo complessivo del risarcimento per le vittime dell’attentato di Nizza dovrebbe raggiungere i 300 milioni di €. Il FGTI ha € 1,7 miliardi di riserve per coprire le vittime degli attacchi così come dei reati ordinari. Nel 2017, ha pagato un totale di € 403,5 milioni.