«Le nuove tecniche d’intrusione Si parte dalla periferia dove i varchi sono fragili»

MILANO «Ogni grande organizzazione è a rischio: basta una minima vulnerabilità informatica, anche in aree che non sono direttamente gestite dalla società colpita, e questa può essere sfruttata dai cybercriminali per le loro operazioni illecite»