Le case fantasma

152

OPERAZIONE ANTIFRODE

Come scoprire i danni inesistenti
così perfetti da sembrare veri

Autore: Mario Riccardo Oliviero
ASSINEWS 288 – luglio 2017


Anche se in Italia le
frodi assicurative si identificano quasi esclusivamente con i falsi  sinistri stradali, la casistica delle truffe perpetrate in tutti i rami assicurativi è molto  più ampia ed articolata. Attraverso il confronto con i più importanti investigatori  assicurativi analizziamo in questa rubrica le frodi più insidiose e remunerative per  imparare a riconoscerle dagli inequivocabili elementi distintivi

Il profilo dell investigatore assicurativo intervistato  in questo numero. Decano degli investigatori assicurativi  italiani, attualmente a capo dell’agenzia DLG, Loredano  Duzzi alla fine degli anni novanta del secolo scorso ha rivoluzionato  il settore delle investigazioni assicurative introducendo  metodologie innovative e partecipando alla nascita dei primi  uffici Antifrode, sorti all’interno delle compagnie assicurative  più all’avanguardia.

Dopo più di ventann i di professione non deve  essere semplice trovare il caso più emblematico  da raccontare.  Sì è vero, però ho la possibilità di poter scegliere tra i tanti casi  risolti. Per spiegare le insidie e i rischi insiti al rapporto speculare  tra finzione e realtà, essenza vera delle frodi, le racconto il  caso prospettato da una compagnia assicurativa in una torrida  estate di qualche anno fa.

Partiamo alti. Molto interessante. Sentiamo.  Per mero scrupolo, prima di liquidare € 250.000, il direttore  sinistri di una compagnia assicurativa mi chiede di valutare un  caso avvenuto in Francia apparentemente privo di irregolarità.  Si tratta di un sinistro spettacolare. Durante i lavori di ristrutturazione  di una palazzina, il braccio meccanico di una gru squarcia  letteralmente il tetto appena rifatto. Nel fascicolo hanno tutto:  la denuncia dell’assicurato, la richiesta danni del danneggiato,  la perizia corredata da immagini a colori, e anche il verbale dei  vigili del fuoco. Il danno è stato correttamente provato e da nessuno  di questi documenti emergono evidenti anomalie, però …

CONTENUTO A PAGAMENTO Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati a MENSILENon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati