Eiopa: continua la pressione competitive nella riassicurazione

A fronte di una crescente pressione concorrenziale, ottenere tariffe che rispecchino adeguatamente il rischio sarà “cruciale” per le imprese di riassicurazione al rinnovo dei trattati: lo sostiene l’Eiopa nella relazione sulla stabilità finanziaria di giugno.

La crisi finanziaria e del debito ancora in corso ha continuato a spingere gli investitori verso quello che viene visto come un’opzione sicura e stabile per la diversificazione, l’attività esposta alle catastrofi – che secondo Eiopa ha già un capitale sufficiente per rimanere adeguatamente capitalizzato in caso di grandi perdite massime (che accadono ogni 100-250 anni).

E mentre questo capitale non tradizionale sembra in gran parte muoversi in linee di business catastrofi non proporzionale, i livelli di afflusso dimostrano che si sta invece sprecando in altre linee di riassicurazione.

Tra le 20 aziende aggregate da Aon Benfield, il combined ratio medio negli ultimi cinque anni è stato ben al di sotto del 95%.

E queste imprese sembrano destinate ad essere soggette a ulteriori tensioni, essendo meno in grado di fare affidamento sulla liberazione delle riserve degli anni precedenti, anche se “il business a lungo termine sta diventando meno redditizio o addirittura non redditizio considerato che gli alti tassi di interesse calcolati nelle tariffe precedenti sono difficili da guadagnare attualmente”, ha detto Eiopa.

Questi fattori contribuiscono ad un ulteriore deterioramento del rendimento del capitale proprio anche con un carico normale di catastrofi, data anche la quantità di cash a disposizione nel mercato.

Gli assicuratori primari mostrano un’aumentata sensibilità ai prezzi e alla concorrenza, ed è emersa una tendenza a lungo termine che vede le compagnie ritenere maggiori rischi perché snelliscono le proprie tecniche di risk management.

Tuttavia, gli assicuratori primari hanno anche beneficiato di un afflusso capitali riassicurativi e di tassi di riassicurazione in continuo calo: sono stati in grado di realizzare guadagni nelle negoziazioni  ottenendo termini e condizioni migliori, come un’ampia copertura del terrorismo per esempio.

A metà anno, l’ambiente macroeconomico non ha mostrato segni significativi di cambiamento per il mondo della riassicurazione. È stato un anno relativamente benigno, senza grandi danni da catastrofe naturale in grado da influire sui prezzi.

Di conseguenza, la mancanza di cambiamenti nelle condizioni esterne al comparto continuerà a spingere le aziende a capitalizzare la redditività attraverso i cambiamenti dall’interno, spostandosi verso aree interessanti per l’innovazione e la crescita, come i mercati emergenti e passando all’accesso diretto ai rischi attraverso le reti di distribuzione e di InsurTech.