Integrale risarcimento del danno

Per l’integrale risarcimento del danno conseguente al fatto illecito sono dovuti

  • sia la rivalutazione della somma liquidata ai valori attuali, al fine di rendere effettiva la reintegrazione patrimoniale del danneggiato, che deve essere adeguata al mutato valore del denaro nel momento in cui è emanata la pronuncia giudiziale finale
  • sia gli interessi compensativi sulla predetta somma, che sono rivolti a compensare il pregiudizio derivante al creditore dal ritardato conseguimento dell’equivalente pecuniario del danno subito.

Cassazione civile sez. III, 10/06/2016 n. 11899