A 70 mld $ i danni da catastrofe naturale nel I semestre

I danni causati da catastrofi naturali nella prima metà del 2016 sono stati
significativamente più alti rispetto ad un anno fa, secondo i dati raccolti da Munich Re.
In totale, le perdite entro la fine del mese di giugno sono salite a US $ 70 miliardi (I sem 2015  US $ 59 miliardi), dei quali US $ 27 miliardi (contro US $ 19 miliardi) assicurati.

“Questi eventi mostrano chiaramente l’importanza della prevenzione, come la protezione contro le inondazioni o la costruzione di edifici antisismici in zone ad alto rischio”, ha detto Torsten Jeworrek, membro del board di Munich Re.

I Danni complessivi sono risultati al di sopra della media degli ultimi 30 anni (US $ 63 mld), ma al di sotto della media degli ultimi 10 anni (US $ 92 miliardi).
I Danni assicurati sono stati in linea con la media degli ultimi 10 anni e al di sopra della media degli ultimi 30 anni (US $ 15 miliardi).

3.800 persone hanno perso la vita, un numero significativamente inferiore rispetto all’anno precedente (21.000) e le medie per gli ultimi 10 e 30 anni (47.000 / 28.000).

I danni maggiori sono state causati da due terremoti sull’isola giapponese di Kyushu nel mese di aprile (US $ 25 miliardi, di cui US $ 6 miliardi assicurati).
Di particolare rilievo sono state alcune  tempeste negli Stati Uniti e in Europa, gli incendi boschivi in Canada e la completa assenza di tifoni nel nord-ovest del Pacifico.

La provincia canadese di Alberta ha subito incendi devastanti all’inizio di maggio.
Gli incendi sono stati causati da caldo estremo e siccità e sono stati alimentati da forti
venti, che hanno favorito la loro diffusione per migliaia di ettari. La città di Fort
McMurray (80.000 abitanti) ha dovuto essere completamente evacuata e la produzione di petrolio nella regione è stata drasticamente ridotta. I danni diretti causati da questi incendi sono stati pari a US $ 3,6 miliardi, di cui US $ 2,7 miliardi assicurati.

Gran parte dei danni della prima metà del 2016 può essere attribuito a forti tempeste con grandinate, piogge torrenziali e inondazioni, che hanno causato perdite complessive
per oltre US $ 20 miliardi negli Stati Uniti e in Europa.

Il maltempo in Europa a maggio e a inizio giugno è stato innescato principalmente da
un sistema di bassa pressione persistente, In Germania particolarmente colpite diverse zone della Germania meridionale, come Braunsbach nel Baden-Württemberg
e Simbach in Baviera, dove piccoli corsi d’acqua si sono rapidamente trasformati in
torrenti impetuosi.

In Francia, le tempeste hanno portato inondazioni sulla Senna e dei suoi affluenti. Più colpita la città di Nemours, a sud di Parigi, dove il fiume Loing ha raggiunto record di
livelli di acqua. Migliaia di persone sono state evacuate. A Parigi, il Louvre e
il Musée d’Orsay sono stati chiusi e molte opere d’arte trasferite in piani più alti.

Il 22 e il 23 giugno, l’Olanda è stata colpita da temporali, con chicchi di grandine grandi come palle da tennis. La città di Someren in provincia di Nord Brabant ha contato danni enormi, soprattutto nel settore agricolo. innumerevoli serre e interi raccolti sono stati distrutti. Secondo le stime iniziali perdite complessive salgono a € 1 miliardo.

I danni complessivi dalle tempeste in Europa sono pari a € 5,4 miliardi, di cui € 2,7 miliardi assicurati. Le perdite in Germania sono state pari a € 2,6 miliardi di perdite globali, con € 1,2 miliardi di danni assicurati.

I due terremoti a sud dell’isola di Kyushu in Giappone hanno causato le maggiori perdite della prima metà del 2016. Nel giro di appena due giorni due terremoti hanno colpito (Mw 6.2 e 7.0, rispettivamente), radendo al suolo innumerevoli edifici e togliendo la vita a
69 persone.

Molti impianti di produzione nella regione sono stati anche e hanno dovuto sospendere
le attività per diverse settimane. Questa produzione ha anche gravemente ostacolato l’attività di alcuni produttori di automobili, che non erano in grado di ottenere componenti importanti della produzione. Anche un importante produttore di moduli di fotocamere smartphone ha dovuto sospendere la produzione.
I danni totali causati dai due terremoti sono pari a US $ 25 miliardi, di cui solo US $ 5,9 miliardi assicurati a causa della bassa densità di assicurazione per i rischi di terremoto.

Il maggior numero di decessi è stato causato da un terremoto Mw 7.8 che ha colpito
la costa del Pacifico dell’Ecuador quasi nello stesso momento in cui i terremoti ha colpito il Giappone.
Molti edifici sono stati distrutti e quasi 700 persone sono morte. Come spesso accade nei paesi emergenti, solo una piccola quota dei danni complessivi di US $ 2,5 miliardi sono assicurati: US $ 400m.

Download (PDF, Sconosciuto)