Sinistro acqua condotta e ricerca ripristino

  IL VOSTRO QUESITO

Una cliente costruisce la sua abitazione e appena finita di costruire nel 2005/2006 la assicura.
Nell’agosto 2010 ha il primo sinistro da acqua condotta, nel gennaio 2011, il secondo e nel marzo 2011 il terzo. Risulta che le tubazioni posate in quella area sono posate con tratte lunghe ed in tensione. La compagnia respinge il sinistro perché la causa della rottura non è accidentale così come pretendono le cga.

L’abitazione è di circa 400 metri su 3 piani (125 metri piano primo, 125 piano ammezzano, 150 piano terra seminterrato garage e taverna) solo il piano taverna è coinvolto. E’ legittima secondo voi la posizione della compagnia sulla questione accidentalità?

L’ESPERTO RISPONDE

Gli esperti di ASSINEWS rispondono via mail ai vostri quesiti su tutti i rami assicurativi, normativa e compliance! Scopri il servizio "Esperto Risponde"

Accedi alla pagina "Il tuo abbonamento" per informazioni sui servizi inclusi nel tuo piano
Hai dimenticato la Password?
Registrati