AEC porta d’accesso al mercato internazionale

L’Intervista

Le ambizioni di un broker grossista

Autore: Gigi Giudice
Assinews 222- Luglio Agosto 2011

Fabrizio Callarà è un sessantottino. Non nel senso che gli attribuiscono i benpensanti di scarsa cultura, ma in quanto nato nel mese di giugno di quel fatidico 1968, ribollente di utopistica voglia di cambiare l’universo mondo.FabrizioCallarà

Callarà è intermediario di rito romano in quanto ha esordito nei rudimenti assicurativi stando – come si dice – “a bottega” da Paolo Buttarelli, uno dei mostri sacri nel panorama assicurativo capitolino. Dei tempi di quando il brokeraggio era pratica rara e un po’ artatamente snobbata, quando non addirittura boicottata, dalle compagnie nazionali tradizionali (ne avevano le loro giustificazioni dal fatto di operare, storicamente, con le reti degli agenti “in esclusiva di mandato”).CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati