2011: anno di perdite senza precedenti quanto a catastrofi naturali

Complessivamente, l’ammontare delle perdite economiche del primo semestre 2011, pari a 265 mld di dollari, è stato più di cinque volte superiore alla media di periodo degli ultimi dieci anni. Lo ha reso noto  Munich Re in una nota.
Le perdite assicurate, pari a circa 60 miliardi $, sono state quasi cinque volte maggiore rispetto alla media di periodo dal 2001.
Nel primo semestre le perdite sono generalmente inferiori al secondo semestre, nel quale incombono gli uragani del Nord Atlantico e i  tifoni del Pacifico nord-ovest. A 355 ammonta il numero totale di eventi naturali con perdite rilevanti nei primi sei mesi del, leggermente inferiore alla media dei dieci anni precedenti (390).
La maggior parte delle perdite derivano dal terremoto in Giappone il 11 marzo, che ha causato una perdita economica complessiva di US $ 210 mld. Il terremoto di magnitudo 9.0, il più forte mai registrato in Giappone, è anche la catastrofe naturale più costosa mai registrata – anche più costosa dell’uragano Katrina del 2005, che ha causato perdite economiche nell’ordine di US $ 125 miliardi. Tuttavia, i risarcimenti a carico delle assicurazioni attualmente stimati in US $ 30 miliardi non raggiungeranno l’ammontare di danni assicurati dell’uragano Katrina.
Il sisma giapponese è stata anche la più grande catastrofe del primo semestre 2011 in termini di perdite umane. Almeno 15.500 persone hanno perso la vita e migliaia di persone sono ancora disperse dopo il terremoto e il successivo tsunami, che ha devastato intere città lungo la costa nord-est del Giappone.

I gravi terremoti  che hanno scosso la città di Christchurch, in Nuova Zelanda, nel febbraio e nel mese di giugno (la terza volta dall’autunno del 2010) non sono collegati con il terremoto giapponese. Le perdite economiche sono state molto alte, pari a ca. 20 miliardi di $, di cui oltre 10 miliardi assicurati. 

In termini di catastrofi naturali legati al clima, il Sud e Midwest degli Stati Uniti sono stati colpiti da diverse serie di tornado straordinariamente gravi nei mesi di aprile e maggio. La serie di eventi meteorologici estremi  può essere in gran parte spiegata dal fenomeno climatico La Niña. Sono stati ca. 1.600 i tornado registrati, un numero di poco inferiore a quello dell’anno record 2008. Le perdite economiche globali ammontano a ca. 15 miliardi $, con perdite assicurate per circa  10 miliardi $.

Ugualmente influenzate dal fenomeno La Niña le catastrofi naturali che hanno colpito il continente Australiano nella prima metà del 2011. In primo luogo, nel Queensland, nel nordest dell’Australia, dove l’area a nord della città di Brisbane ha subito inondazioni diffuse dopo le piogge record. Per la prima volta nella storia dello Stato, tutti e tre i grandi fiumi hanno straripato contemporaneamente. Le perdite economiche globali dei vari eventi sono ammontate a 7 miliardi, di cui 2,5 miliardi assicurati.