Rassegna Stampa assicurativa

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

logo_mf

La nettamente maggiore importanza dell’avvio dell’istituzione dello scudo anti-spread da parte della Bce e dell’aumento di 75 punti base dei tassi ufficiali da parte della Fed ha fatto passare nelle cronache in secondo piano, quasi nella marginalità, il «richiamo di attenzione» emesso dalla Banca d’Italia in materia di cripto-attività. Il documento, come è stato precisato, è diretto agli intermediari vigilati, ai soggetti sorvegliati e a quelli che a vario titolo operano negli ecosistemi decentralizzati.
Bisognerà attendere ancora qualche giorno per capire come si risolverà il rebus all’interno del consiglio di amministrazione delle Generali sul sostituto dell’imprenditore romano Francesco Gaetano Caltagirone, dimessosi il 27 maggio a meno di un mese dall’assemblea che ha attribuito la vittoria alla lista del board uscente.
  • Generali-Telepass alleate in connettività
Un dispositivo che unisce assicurazione, telematica e telepedaggi. Si chiama Next ed è il risultato della collaborazione tra Generali Italia e Telepass. Nel dispositivo, «il primo al mondo» a detta delle due società, 30 diversi servizi volti a creare «un ecosistema digitale per la mobilità del futuro, sempre più connessa e sostenibile».
  • Auto Europa in discesa del 12%
Anche nel mese di maggio il mercato dell’auto in Europa continua a registrare un pesante calo delle immatricolazioni. Con 948.149 vetture registrate rispetto a 1.083.255 di maggio 2021, la flessione nel mese è del 12,5%. «Gli obiettivi del programma FitFor55 al 2035, come approvati dall’Europarlamento, sono certamente ambiziosi e prematuri, in un contesto di enorme incertezza», afferma Andrea Cardinali, direttore generale dell’Unrae.

Un «esercito» di 196.089 professionisti «silenti» negli elenchi di Enasarco, l’Ente di previdenza e assistenza degli agenti di commercio e dei consulenti finanziari: è questa la cifra degli inattivi da oltre tre anni, con un’anzianità contributiva inferiore al requisito minimo per accedere all’assegno di vecchiaia (20 anni di versamenti).
Dibattito aperto sullo schema di decreto per l’inquadramento lavorativo (e assicurativo) dei professionisti assoldati dalla Pubblica amministrazione nella cornice del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr): accettando l’incarico, bisognerà scegliere se mantenere, o meno, l’iscrizione al proprio Istituto pensionistico.
Operazioni finanziarie caratterizzate da «adeguata diversificazione», votate al «principio della sana e prudente gestione», con cui perseguire «l’interesse collettivo degli iscritti e dei beneficiari della prestazione pensionistica», che finiranno in un documento (sottoposto a «revisione periodica, almeno ogni tre anni») con dettagli sulle politiche di investimento (che comprenderanno un «tetto» massimo del 20% del patrimonio impiegato direttamente sul fronte immobiliare) e sui sistemi di controllo messi in campo.
Sul lavoro domestico l’Erario italiano perde ogni anno 2,7 miliardi. La parte più consistente (1,6 miliardi) è rappresentata dagli oneri contributivi evasi, mentre il restante deriva dalle mancate (o parziali) dichiarazioni dei redditi, per una base imponibile non dichiarata di quasi 9 miliardi di euro
Il gruppo assicurativo Allianz ha acquistato i naming rights del centro congressi di Piazzale Carlo Magno a Milano, rinominandolo Allianz MiCo, a seguito di un accordo con Fiera Milano Congressi. Il nuovo nome è stato svelato ieri in occasione della Convention di Allianz Bank Financial Advisor, quando la nuova insegna, che fronteggia la torre Allianz di CityLife, è stata posta sull’edificio noto come la cometa argentea di Mario Bellini.
Generali e Telepass rilanciano la loro alleanza e presentano Next, dispositivo che unisce via app i servizi assicurativi a quelli legati alla mobilità, dal pedaggio autostradale al rifornimento carburante con comando vocale, senza dimenticare la possibilità di essere supportati digitalmente in caso di multe e contenziosi oppure di seguire i suggerimenti in real time per una guida più prudente, che consentono peraltro di risparmiare sul consumo di benzina. La nuova piattaforma ha debuttato ieri e sarà presentata ai clienti sia del gruppo triestino sia della società nota per aver introdotto in Italia il telepedaggio (costo 7 euro, tutto compreso). L’obiettivo è raggiungere un milione di clienti entro fine anno (al momento sono 350 mila quelli già raggiunti nella fase di test).
  • Next rivoluzione la mobilità
Partnership Generali Italia e Telepass: entro il 2022 1 milione di clienti. Una porta d’ingresso innovativa a molteplici servizi

corsera

  • Auto, maggio nero per le immatricolazioni: -12,5%
Nuovo crollo a maggio delle vendite di auto in Europa: 948.149 vetture immatricolate, -12,5% rispetto allo scorso anno (mancano all’appello 135 mila unità) ma un calo, ancora più pesante — del 34% — se confrontato al 2019, con l’Italia costantemente fanalino di coda (meno 15,1% dall’inizio dell’anno) nonostante gli incentivi per l’acquisto, peraltro già terminati. Le ragioni di questa crisi sono molte, a partire dal voto dell’ Europarlamento di pochi giorni fa, che ha detto basta alle immatricolazioni di veicoli a benzina e diesel entro il 2035. Paolo Scudieri, presidente Anfia, ha precisato che «lo stop ai motori a combustione termica rischierebbe, se confermato, di mettere in difficoltà gli equilibri del nostro sistema industriale e sociale». Marco Stella, presidente del gruppo componenti Anfia, ha stimato almeno 73 mila posti a rischio, di cui 63 mila tra il 2025 e il 2030. Inoltre il passaggio all’elettrico, senza una capillare estensione di colonnine di ricarica, non potrà mai realizzarsi. L’Acea, l’associazione europea delle case di auto, ne chiede per il 2030, almeno 5 milioni, diffuse in tutto il continente (attualmente sono 300 mila).
  • Il marchio Allianz sul Convention centre
Il brand Allianz sul Milano Convention Centre, da oggi rinominato “Allianz MiCo”. È il frutto dell’intesa tra il gruppo assicurativo e Fiera Milano Congressi per il più grande centro d’Europa con 65 sale e 50 mila metri quadri di spazi espositivi. Il nuovo nome Allianz MiCo è stato svelato in occasione della Convention di Allianz Bank Financial Advisors con la rete di duemila consulenti proprio nel centro congressi con l’apposizione della prima insegna sull’edificio noto come la «cometa» argentea di Mario Bellini
  • Governance Generali, la spinta di Sironi su sviluppo e crescita
Sono giorni di scambi e confronti tra i membri del consiglio delle Generali per sbloccare l’impasse provocato dalle dimissioni di Francesco Gaetano Caltagirone con una proposta per integrare il board. È un passaggio chiave per poter anche aprire alle minoranze i comitati endoconsiliari, completare l’assetto della governance e consentire al Leone di tornare a concentrarsi sulle partire strategiche. Il nuovo test — dopo che la scorsa settimana Roberta Neri, quarta della ex lista Caltagirone, non ha trovato il consenso all’interno della sua stessa lista per essere cooptata — è atteso per mercoledì 22 quando si riunirà nuovamente il board. Martedì potrebbe tenersi un comitato nomine, non ancora confermato in attesa di capire se si arriverà alla quadra sul nome. Il presidente del Leone, Andrea Sironi sta cercando di trovare un punto di equilibrio tra il board e gli azionisti di minoranza. Una formula condivisa attraverso la quale ritrovare il dialogo all’interno del consiglio. Secondo ambienti finanziari, tra le richieste ci sarebbe anche l’attribuzione della vice presidenza a un esponente delle minoranze, cosa che peraltro era già stata ipotizzata dopo l’assemblea del 29 aprile.

  • Assicurazioni, la tempesta perfetta Prezzi delle polizze verso il rincaro
  • Incidenti sul lavoro: -16% nelle aziende certificate
Il dato è emerso ieri nel convegno “Diritto al lavoro sicuro: la prevenzione fra cultura, comportamenti e organizzazione” promosso da Certiquality – organismo di certificazione fondato nel 1989 da Federchimica e Assolombarda-, con il patrocinio di Accredia, che ha evidenziato come la sicurezza sui luoghi di lavoro rimanga un tema centrale, con il numero di infortuni purtroppo ancora assai elevato: in media, dal 2016 al 2020 all’Inail sono arrivate circa 630mila denunce di infortuni l’anno, e sono stati riconosciuti da Inail 735 decessi sul luogo di lavoro a fronte di 1.274 denunce annuali. Negli ultimi 20 anni i dati risultano piuttosto stazionari. Oltre al dramma umano e sociale, c’è l’aspetto economico: gli infortuni e le morti sul lavoro incidono sul sistema sanitario e di previdenza per circa 45 miliardi.