Rassegna Stampa assicurativa 4 giugno 2022

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

Nel suo primo anno come amministratore delegato di Bper, Piero Montani ha portato a casa tre risultati tutt’altro che scontati. Il banchiere genovese ha non solo integrato le 530 filiali comprate da Ubi e acquistato Carige dal Fitd, ma negli ultimi mesi ha definito con l’advisor Accenture un piano industriale ambizioso che traccia la rotta per i prossimi tre anni. Sulle polizze oggi la cassa genovese si appoggia ad Amissima, che nel 2015 aveva rilevato Carige Assicurazioni, mentre i due partner storici di Bper sono UnipolSai (la compagnia è anche primo socio al 18,9%) e Arca Vita. Qualche intervento è insomma più che plausibile.
Il risparmio delle famiglie italiane per ora regge e a fine 2021 ha raggiunto 5.200 miliardi di euro. Si tratta, calcola la Banca d’Italia, di 500 miliardi in più sul 2020 non soltanto per l’incremento di valore di azioni e bond nell’anno, ma anche grazie a 108 miliardi di flussi. La propensione al risparmio infatti, pur in calo al 12,5% rispetto al 15% del 2020 quando aveva raggiunto i massimi per via dei lockdown, è rimasta superiore di 5 punti percentuali sul 2019. Il tasso di risparmio si è mantenuto su livelli elevati anche nel confronto con gli ultimi due decenni. E in questa prima parte del 2022, strette dalla morsa dell’inflazione alle stelle e con le retribuzioni ferme, le famiglie cercano di difendere i risparmi tagliando le spese.
  • Allianz via dalla Russia
Allianz cede la maggior parte delle sue attività russe e avvia formalmente l’uscita da Mosca. La compagnia assicurativa tedesca venderà a Interholding, che possiede l’assicuratore russo Zetta Insurance, la quota di maggioranza delle attività, mantenendo per ora il 49,9%. Nel 2021 Allianz ha generato lo 0,17% dei ricavi dalle sue attività in Russia. Già a marzo, in seguito all’invasione dell’Ucraina, il gruppo aveva assicurato che non avrebbe più fatto nuovi investimenti nel Paese. Nonostante non siano stati resi noti i dettagli finanziari dell’accordo, la compagnia si è limitata a dire che la vendita parziale comporterà un impatto di 400 milioni di euro sul suo utile netto.
  • Capitalizza dedicata alle imprese più caute
La polizza di ramo V di Alleanza Assicurazioni offre un rendimento minimo garantito, ma i costi bilanciano tale vantaggio
  • Hybrid New Edition punta alle opzionalità
La polizza di Allianz offre un mix robusto di fondi interni e gestione separata con buona offerta di elementi accessori

L’incentivo all’esodo destinato alla previdenza integrativa non gode di neutralità fiscale. La somma trasferita nel fondo pensione, pertanto, sarà al netto dell’imposta Irpef calcolata con il criterio della «tassazione separata» (al pari di quella intascata in mancanza della destinazione alla previdenza integrativa). A precisarlo è l’agenzia delle entrate con risposta n. 232/2022 a d interpello.
Appalti, startup e pmi a misura di cybersicurezza made in Italy: le pubbliche amministrazioni devono acquisire beni e servizi testati contro attacchi informatici. E i prodotti italiani, progettati e realizzati per difendersi da cybercriminali e cyberterroristi, devono essere certificati e sostenuti anche con misure fiscali. Sono queste le più significative ricadute sul sistema imprenditoriale delle 82 misure elencate nel Piano di implementazione 2022-2026, che si affianca alla Strategia nazionale di cybersicurezza, entrambe oggetto del comunicato della presidenza del consiglio dei ministri (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 1° giugno 2022).
  • Nuovo Step per banche e assicurazioni
I gruppi bancari e assicurativi italiani hanno un nuovo punto di riferimento. È la società milanese Step, che da leader nazionale nell’offerta di soluzioni e servizi per l’efficientamento ha acquisito due nuove realtà: Brain management, una società che opera nei big data e data analytics, e Neotecnica, un’azienda specializzata in soluzioni software e servizi per la gestione integrata del monitoraggio e degli interventi sugli asset immobiliari e It. Il gruppo Step, guidato dall’amministratore delegato Fabrizio Crespi Morbio, conta su 300 collaboratori e un fatturato di 70 milioni di euro previsto nel 2022. I gruppi bancari e assicurativi clienti sono 50, per un totale di 40 mila punti di utilizzo tra agenzie, filiali e direzioni. E ora, grazie alle due recenti acquisizioni, allargherà ulteriormente i suoi orizzonti. Entrambe le operazioni prevedono l’ingresso di Step con una quota di maggioranza, rispettivamente del 65% e del 70%. Le partecipazioni di minoranza, in entrambi i casi, restano in capo ai soci fondatori delle due società, Dario Buzzi per Brain management e Luciano Galeotti per Neotecnica, che continueranno a condurre le rispettive aziende.

Repubblica_logo

  • Pissarides: “Il salario minino dà certezze e più tutele Presto in pensione a 62 anni”
Salario minimo, più formazione per i lavoratori e un compromesso sulle pensioni per far ripartire il mercato del lavoro italiano. Christopher Pissarides, premio Nobel dell’Economia nel 2010 grazie agli studi sul mercato del lavoro, a Torino per il Festival Internazionale dell’Economia, salva anche il reddito di cittadinanza: «È giusto dare un sostegno ai più poveri». E a chi teme l’automazione del lavoro lancia un messaggio di fiducia: «Non è che perché il 47% dei lavoratori possono essere sostituiti dai robot questo si traduce in un passaggio automatico. Ci deve essere l’opportunità, la convenienza economica. E difficilmente le persone potranno essere sostituite nei lavori che richiedono interazione sociale, o in cui è necessario prendere delle decisioni».

  • Per Generali è di nuovo tempo di consiglio

  • Digital health insurance Le compagnie ampliano la gamma dei servizi
  • Banca d’Italia Sono 8oo i milioni restituiti ai clienti dagli intermediari
  • Fondi. La supervisione dell’Esma sui costi non dovuti