Rassegna Stampa assicurativa 20 giugno 2022

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

logoitalia oggi7

A fronte dell’aumento del prezzo del carburante e del costo della vita sempre più persone hanno bisogno di contenere la spesa per spostarsi. Tra le soluzioni per risparmiare, oltre a ridurre e a razionalizzare l’utilizzo dell’auto, si stanno diffondendo sempre più il car sharing e la micro-mobilità con mezzi come bici e monopattini elettrici, soprattutto per muoversi nei contesti urbani.
Nessuna «discrezionalità» sullo stop all’azienda insicura. L’ispettore, infatti, al ricorrere delle prescritte condizioni «deve» adottare il provvedimento di sospensione dell’attività d’impresa. Unica deroga è la facoltà di farne decorrere gli effetti in un momento successivo. Facoltà che va presa in considerazione in presenza di ragioni tecniche, sanitarie e produttive, ovvero se c’è il rischio di danni economici all’azienda o per l’incolumità sanitaria in caso di stop dell’attività. A precisarlo è l’ispettorato nazionale del lavoro nella nota prot. n. 1159/2022 (si veda ItaliaOggi dell’8 giugno scorso), dopo la riforma operata dall’art. 13 del dl n. 146/2021, convertito dalla legge n. 215/2021.
Iva più leggera per i pazienti della sanità privata: le prestazioni di ricovero e cura presso cliniche non convenzionate pagheranno l’aliquota ridotta del 10% e fruiranno dell’esenzione sulla componente sanitaria in senso stretto, ad esempio il costo del chirurgo e dell’anestesista. Le importanti novità sono state introdotte dal dl sulle semplificazioni fiscali approvato la settimana scorsa del governo.
I pagamenti tra le imprese procedono a passo di lumaca, in Italia, ma accennano segnali di miglioramento. Tuttavia, il 2022 rischia di chiudersi bruciando questa ripresa per effetto del conflitto Russia-Ucraina e dell’inflazione.
Si inceppa il meccanismo di crescita in Italia: consumi con il freno a mano tirato, Pil al ribasso, possibili carenze nella fornitura di energia. A delineare questo quadro a tinte fosche è l’Economic outlook dell’Ocse, l’analisi semestrale delle principali tendenze economiche globali e delle prospettive per i prossimi due anni, secondo il quale lo slancio della crescita del Pil italiano rallenterà nel 2022, poiché l’inflazione ridurrà il potere d’acquisto delle famiglie e la loro disponibilità a spendere, prima di riprendersi gradualmente nel 2023.

aflogo_mini

 

  • Filorussi, criminali, hacktivisti sul web siamo tutti nel mirino
Aumentano in tutto il mondo gli attacchi nel settore dell’Internet delle cose e nei sistemi di imprese e pubbliche amministrazioni.  Non si tratta più di spionaggio ma di infiltrazione in sistemi vitali di aziende e pubblica amministrazione per infettarli spesso con un ransomware, tipologia di virus che limita l’accesso a dati e funzioni, così da richiedere un riscatto (ransom, in inglese) per rimuovere il blocco.
  • Da Milano a Trento e Venezia la lenta avanzata delle smart city
Migliorano la vita nei centri abitati attraverso soluzioni integrate più sostenibili in aree come l’energia, le comunicazioni, la mobilità. Grandi ecosistemi, iperconnessi, costellati di sensori, dispositivi e software in grado di raccogliere ed elaborare un flusso continuo di informazioni, diverse e provenienti da più fonti come device personali, semafori, lampioni della luce, scatole nere installate su auto e autobus per fornire servizi evoluti e rispondere in tempo reale alle esigenze dei residenti. In due parole: smart city, la città del futuro. Ma esistono in Italia? Non ancora, però ci sono dei progetti avviati di città “smart” come Venezia, Milano, Firenze, Bologna o Trento che si stanno dotando di soluzioni tecnologiche per la gestione dei dati “prodotti” dai tanti attori cittadini. Per farlo hanno investito e stanno investendo risorse economiche e personale dedicato in progetti importanti, in alcuni casi per la creazione di un vero e proprio “gemello digitale” dello spazio urbano. Per il resto, le amministrazioni pubbliche restano “smart” a parole ma poi nei fatti lo sono molto meno.
  • Tre modelli di business a misura di cliente l’obiettivo è il travaso dai depositi bancari
Kpmg prevede che l’offerta di gestione dei patrimoni convergerà su tre linee tarate in base alle diverse esigenze degli investitori. Variante Accenture sulla classe d’età tra 26 e 55 anniI l settore del wealth management ha grandi potenziali di crescita nel lungo periodo, può contare su un notevole “serbatoio” di denaro, a fine 2021 i depositi bancari e postali delle famiglie consumatrici superavano i 1.183 miliardi, con oltre 330 miliardi impiegati in depositi con durata stabilita o rimborsabili con preavviso, ai quali andrebbero aggiunti i 200 miliardi circa di titoli in custodia, ma oggi si trova ad operare in un contesto non facile.
  • La sostenibilità nel bagaglio dei consulenti
Un sondaggio condotto da McKinsey con 450 professionisti rivela che la grande maggioranza degli intervistati ha investito nella formazione sui temi EsgI nvestitori e consulenti finanziari sono sempre più sensibili ai temi Esg, la conferma viene dall’ultima indagine sulla sostenibilità che McKinsey ha svolto per Anasf su un campione di circa 450 consulenti finanziari.  In tema di competenze, la maggioranza dei consulenti intervistati ha investito nella formazione sui temi Esg, il 72% del panel ha conseguito una specifica certificazione; l’84% degli intervistati dichiara che la propria rete prevede percorsi o moduli di formazioni specifici,nel survey precedente la percentuale si fermava al 62%.

  • Lotta al climate change all‘avanguardia in Europa
Siamo tra i paesi più sensibili (69% contro 48% globale) secondo la ricerca Changes Unipol-Ipsos. Bologna città virtuosa, ma non sono chiare le azioni da attuare per avere migliori risultati. Nei prossimi due anni il 37% ha intenzione di acquistare un’auto ibrida o plug-in, mentre il 21% andrebbe su un modello elettrico

  • Va provata la causalità fra l’inerzia e il danno
  • Dal 30 giugno sanzioni per chi rifiuta il Pos
  • Regole antiriciclaggio per i consulenti lavoro