Munich Re mette in guardia su stagione degli uragani “eccezionalmente attiva

Munich Re avverte che la stagione degli uragani di quest’anno potrebbe essere “eccezionalmente attiva” in un nuovo outlook appena pubblicato sul suo sito web.

Il gigante della riassicurazione ha dichiarato che la fase principale della stagione degli uragani, che inizierà nelle prossime settimane, sarà probabilmente caratterizzata da condizioni climatiche favorevoli alla formazione di tempeste nell’Atlantico settentrionale. Secondo Munich Re, l’ultima serie di anni con queste condizioni di La Niña è stata nel 1998-2000.

Di conseguenza, la compagnia ha dichiarato di aspettarsi fino a 18 cicloni nominati nell’Atlantico settentrionale tropicale durante la stagione 2022. Di questi 18, circa otto potrebbero essere uragani, tra cui forse quattro uragani maggiori con velocità del vento superiori a 110 mph (177 km/h).

Anja Rädler, meteorologa e ricercatrice sul clima presso Munich Re, ha dichiarato: “Tre anni consecutivi di condizioni ENSO, che favoriscono i cicloni tropicali, sono davvero insoliti. Inutile dire che per gli assicuratori è estremamente importante stabilire se si è trattato solo di un caso o se in futuro potrebbe diventare più frequente. “.

Munich Re ha indicato il cambiamento climatico come un fattore nelle sue previsioni sugli uragani.

Secondo Munich Re, il cambiamento climatico non tende a causare un maggior numero di cicloni tropicali, ma provoca una maggiore frequenza di uragani gravi con venti distruttivi e tempeste con precipitazioni estreme.

Nel 2021, nell’Atlantico settentrionale si sono verificati 21 cicloni tropicali, tra cui sette uragani e quattro uragani maggiori di categoria da 3 a 5. Il ciclone tropicale più costoso dell’anno è stato l’uragano Ida, che ha prodotto perdite complessive per 65 miliardi di dollari, di cui 36 miliardi assicurati. L’anno precedente aveva registrato una stagione degli uragani da record, con ben 30 tempeste.

È probabile che le condizioni ENSO influenzino anche la stagione dei tifoni nel Pacifico nord-occidentale, anche se con un effetto più o meno opposto. Di conseguenza, Munich Re prevede un livello di attività temporalesca leggermente inferiore alla media di lungo periodo nel Pacifico nord-occidentale. Dal 1965 al 2021, la regione è stata visitata in media da 25,9 cicloni tropicali all’anno, di cui 16,2 tifoni e 8,8 tifoni particolarmente potenti di categoria da 3 a 5.

Sebbene il Giappone sia di norma la patria dei maggiori danni causati dai tifoni, la società ha dichiarato di aver riscontrato una tendenza all’aumento dei danni assicurati in Cina e in India.