L’inadeguatezza nella RC prodotti

RC PRODOTTI

Autore: Elio Marchetti
ASSINEWS 343 – luglio/agosto 2022 

II Parte – Il sinistro in serie

Nel precedente articolo abbiamo qualificato l’adeguatezza di natura soggettiva. Pur richiamando le considerazioni fatte in tale definizione, in taluni casi, nel valutare il contratto stipulato, è difficile sostenere che i parametri per definire l’adeguatezza soggettiva siano stati adeguatamente esposti dall’intermediario nella fase precontrattuale.

Spesso vi sono massimali palesemente insufficienti a garantire un sinistro per danni a una singola persona. Dubito che in tali casi si possa parlare di inadeguatezza soggettiva, se l’intermediario non documenta di aver proposto massimali superiori, che il contraente non ha accettato.

A fortiori, come può essere adeguato il massimale per un sinistro che si può manifestare in numerosi e identici prodotti?

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati
     

© Riproduzione riservata