Le interruzioni della supply chain potrebbero costare all’Europa quasi 1.000 mld di PIL

Secondo un rapporto di Accenture, i problemi di rallentamento della supply chain potrebbero far perdere al PIL dell’Eurozona fino a 920 miliardi di euro (pari al 7,7%) entro il 2023.

La perdita potenziale è dovuta alla pandemia COVID-19 e all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Il rapporto “From Disruption to Reinvention – The future of supply chains in Europe” esplora tre possibili scenari di come potrebbe svolgersi la guerra nel corso del prossimo anno, modellando l’impatto di ogni scenario sull’Eurozona in termini di costi e tempi di recupero.

Prima della guerra, la mancanza di forniture di materiali, i guasti alla logistica e le pressioni inflazionistiche stavano già minando la ripresa economica post-Covid. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha aggravato una situazione già difficile.
CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati