Gli effetti della guerra Russia-Ucraina sugli assicuratori

L’aggressione della Russia sull’Ucraina non è un problema solo per l’assicurazione marittima, come è emerso chiaramente nel corso di un evento organizzato dal Centro di ricerca sulle assicurazioni dell’Università di Münster.

Secondo Jens Jaeger dell’Associazione tedesca delle assicurazioni (GDV), i contratti di assicurazione prevedono solitamente l’esclusione del rischio di guerra. Tuttavia, in alcuni casi, l’assicurazione trasporti osa assicurare i danni di guerra.

Secondo Jaeger, il trasporto di merci via nave o aereo è considerato assicurabile a determinate condizioni anche se è diretto in una zona di guerra. Tuttavia, ciò richiede una “competenza speciale” da parte dell’assicuratore e i clienti devono convivere con diritti di cancellazione speciali con un preavviso molto breve. Inoltre, il premio di rischio può essere così alto che molti trasporti non sono più economicamente sostenibili da soli. A titolo di esempio, ha citato un’entità pari al dieci per cento della somma assicurata per un viaggio marittimo attualmente nelle acque territoriali dell’Ucraina.

Secondo le conoscenze di GDV, tuttavia, gli assicuratori hanno solitamente cancellato la copertura bellica giorni prima dell’attacco russo. Non è ancora noto, tuttavia, se ciò sia stato sufficientemente tempestivo. In ogni caso, la gestione del rischio degli assicuratori sembra aver riconosciuto prima di quella dei politici che la Russia, con il dispiegamento di truppe al confine con l’Ucraina, intendeva fare qualcosa di più di semplici gesti di minaccia, ha osservato la direttrice dell’evento, la professoressa Petra Pohlmann.

Oltre alla propria valutazione del rischio, gli assicuratori devono anche fare attenzione alle sanzioni che, ad esempio, l’Unione Europea ha imposto alla Russia e agli Stati alleati, secondo Philipp Koch, avvocato dello studio legale Noerr. Perché anche la copertura assicurativa svolge un ruolo importante se non si vuole che le sanzioni vengano compromesse, ad esempio, da esportazioni attraverso Paesi amici della parte belligerante, ha sottolineato.

Il pacchetto di sanzioni dell’Unione Europea è ora composto da 97 regolamenti individuali che possono riguardare persone, settori o transazioni finanziarie. Tali regolamenti vengono emanati a seconda delle situazioni e spesso con breve preavviso, anche se esistono alcuni “atti giuridici di base” da cui possono derivare ulteriori regolamenti.

Tuttavia, è difficile tenerne traccia. È quindi utile disporre di un sito web della Commissione UE che fornisca una panoramica aggiornata di tutte le sanzioni emesse contro determinati Paesi. Inoltre, gli elenchi di FAQ contribuiscono a creare trasparenza su come affrontare le misure emanate dall’Unione Europea.

La guerra in Ucraina ha anche una serie di conseguenze sui conti economici e sui bilanci delle compagnie di assicurazione, ha spiegato Ulrich Scholten, membro del consiglio di amministrazione di Provinzial, dove è responsabile delle finanze e della gestione del rischio. La guerra infatti spinge l’inflazione, che a sua volta si riflette in un aumento dei costi dei sinistri e delle riserve sinistri, oltre che dei costi regolamentari.

Strettamente correlati all’inflazione sono i tassi di interesse, che aumentano anch’essi. Ciò comporta una rivalutazione dei fondi pensione, ma anche dei fondi propri e della solvibilità. L’effetto leva è enorme, come ha mostrato con esempi di calcolo.

Vi sono poi effetti generali sui mercati dei capitali e quindi sulla valutazione di obbligazioni, azioni e altri asset nei bilanci degli assicuratori. Inoltre, ci sono effetti sull’economia. Tuttavia, il tasso di interesse di mercato rimane il più interessante per gli assicuratori.

Ha preparato la platea al fatto che gli assicuratori vita, ad esempio, presto non riporteranno più le riserve di valutazione in media, ma gli oneri di valutazione. “Ma questo non deve preoccuparci”, ha spiegato, perché in cambio diminuiranno anche le passività valutate in bilancio.

Per la prima volta dopo anni, ad esempio, ci saranno prelievi anziché assegnazioni alla riserva di interessi supplementare. Anche il cosiddetto duration gap, ossia la differenza tra l’orizzonte di investimento sul lato delle attività e la durata delle passività sul lato delle passività, potrebbe diminuire leggermente. Scholten non prevede un calo degli indici di solvibilità. Nel complesso, gli assicuratori supereranno bene la crisi.

Tuttavia, i clienti del settore assicurativo property dovranno prepararsi a un aumento significativo dei premi. Utilizzando l’indice dei prezzi delle costruzioni come esempio, ha mostrato come i meccanismi di adeguamento nei contratti assicurativi aiutino i clienti a compensare gli aumenti dei prezzi delle costruzioni in caso di sinistro, ma questo significa in ultima analisi spese aggiuntive evidenti, ad esempio per l’assicurazione degli edifici.

Non è ancora chiaro se gli assicuratori adegueranno anche le loro strategie di sostenibilità, perché la guerra in Ucraina potrebbe richiedere una rivalutazione degli investimenti, ad esempio nei produttori di armi da guerra o nella sicurezza delle forniture energetiche. Scholten ha confermato per la sua compagnia che la questione è in corso di esame, ma che le considerazioni non sono ancora concluse. Tuttavia, per quanto riguarda le armi da guerra, ad esempio, finora è stata dichiarata l’esclusione solo per quei produttori che producono armi da guerra e munizioni fuorilegge.