Assicurazioni La road map della Cassazione

L’INTERVISTA

Autore: Mauro Venier
ASSINEWS 343 – luglio/agosto 2022 

Troppe incertezze, la Suprema Corte vuol fare chiarezza con il “Progetto Assicurazioni”

A qualche mese dall’avvio del “Progetto Assicurazioni”, di cui ASSINEWS ha dato anticipazione nel numero di febbraio, abbiamo raccolto le prime impressioni sullo sviluppo del progetto dal dott. Angelo Spirito, Presidente della Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione, magistrato cassazionista da quasi 25 anni e con funzioni direttive dal 2016, che ci spiega con analitica chiarezza le problematiche che la Cassazione intende affrontare in materia assicurativa, offrendo un quadro ben delineato dei lavori urgenti e necessari da intraprendere.

1. Ci può spiegare in cosa consiste il “Progetto Assicura zionie per qual e motivo ha ritenuto necessario avviarlo in qualità di Presidente della Terza Sezione Civile di Cassazione?
Il “progetto assicurazioni” ricalca una modalità di lavoro già felicemente sperimentata dalla terza sezione civile della Corte di cassazione in altre materie ad alto tasso di specialità: le controversie esecutive e le controversie locatizie.

Esso si articola in tre passaggi:
a) un poderoso lavoro di spoglio dei ricorsi iscritti a ruolo, per selezionare quelli che pongano questioni nuove, oppure particolarmente controverse o controvertibili, oppure di rilevante impatto per i cittadini, per la loro diffusione o per la loro importanza economica;
b) lo sviluppo di un ampio dibattito, con il foro e con l’Accademia, anche attraverso convegni organizzati nella stessa Corte dalla struttura per la formazione decentrata dei magistrati;
c) la concentrazione in una sola udienza (di norma con cadenza mensile) delle questioni selezionate indiscusse come sopra.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati
      

© Riproduzione riservata