Amrae: l’assicurazione cyber diventa redditizia

Amrae, l’associazione dei risk manager francese, ha appena ultimato la seconda edizione del suo studio “Lumière sur la cyberassurance” (Lucy)

Lo studio “Lumière sur la cyberassurance” (Lucy) di Amrae è chiaro: l’equilibrio degli assicuratori cyber è tornato. Tuttavia, l’inasprimento delle politiche di sottoscrizione delle assicurazioni cyber e gli aumenti dei premi e delle franchigie non sono stati privi di conseguenze.

Secondo Philippe Cotelle, direttore di Amrae e presidente della Cyber Commission, i grandi clienti che rappresentano l’83% del volume dei premi pagati non hanno tutti rinnovato la loro copertura nel 2021. “Sebbene il rischio informatico sia percepito dalla maggior parte di esse come una minaccia importante, il tasso di copertura delle grandi aziende è sceso del 4,4%. Ciò significa che delle 251 grandi aziende che hanno adottato una politica informatica nel 2020, 11 l’hanno abbandonata nel 2021. Il dato può sembrare aneddotico. Ma in un mercato che dovrebbe essere ancora in crescita, è un segnale molto forte”, afferma Philippe Cotelle.

Dopo un anno in perdita nel 2020 con un loss ratio del 167%, appesantito dalla sinistrosità delle grandi compagnie (190% S/P), il mercato delle assicurazioni cyber è tornato in equilibrio con un rapporto tecnico S/P dell’88% per tutte le compagnie. Questo miglioramento è dovuto principalmente ai risultati positivi sul mercato dei grandi conti, che ha visto il suo S/P per i grandi conti scendere positivamente al 58% “al costo di aumenti dei tassi e di un inasprimento delle condizioni di sottoscrizione che potrebbe rivelarsi dissuasivo…”, commenta il rapporto Lucy.

Sebbene finora le piccole e medie imprese siano state trattate in modo piuttosto parsimonioso dagli assicuratori, con adeguamenti tariffari di “solo” il 56% rispetto al 97% per le grandi imprese e al 642% per le piccole imprese, la tendenza potrebbe essere invertita nel 2022. Infatti, mentre il numero di aziende di medie dimensioni che sottoscrivono assicurazioni cyber è aumentato del 20,2% tra il 2020 e il 2021, passando da 441 a 530 nel 2021, portando la copertura totale del segmento al 9%, il loss ratio del segmento è esploso con un S/P dell’85% nel 2020, che peggiora al 261% nel 2021. Pertanto, le micro imprese “possono aspettarsi lo stesso trattamento riservato alle grandi compagnie in occasione dei rinnovi del 2022, con un forte aumento dei tassi di premio e un forte inasprimento delle condizioni di sottoscrizione”, avverte Philippe Cotelle.

Tuttavia, se il recupero effettuato dagli assicuratori si rivelasse così severo come nel caso dei grandi conti, ciò potrebbe avere un forte impatto sul risk pooling. Infatti, secondo Philippe Cotelle, “le piccole e medie imprese non hanno una cultura informatica forte come le grandi aziende e se si ritirano dal mercato assicurativo, questo avrà un forte impatto negativo sull’effetto pooling”. A differenza delle grandi aziende, potrebbero non tornare. Il rischio è molto volatile. Per il momento, il mercato è guidato solo dalle grandi aziende. E se nel 2021 non si saranno verificate perdite molto gravi, sarà necessaria una base di pooling più ampia per attutire il rischio”, conclude.

cyber