Perdite d’esercizio: Axa France tende la mano ai ristoratori

Svolta nella controversia tra Axa France e alcuni ristoratori per le perdite da interruzione di attività legate al lockdown. Se fino ad ora la compagnia aveva preferito le aule giudiziarie, ora ha deciso di offrire ai suoi clienti una soluzione amichevole.

Dopo quindici mesi di battaglia legale tra Axa France e alcuni proprietari di ristoranti, la compagnia ha annunciato che intende offre una soluzione finanziaria amichevole ai suoi 15.000 clienti proprietari di ristoranti che hanno una polizza standard con copertura estesa per le perdite da interruzione di esercizio derivanti da una chiusura amministrativa. Axa France intende mobilitare 300 M€ per proporre una transazione ai clienti che desiderano ricevere un “indennizzo fisso e definitivo”, dice la società.

“Ci rammarichiamo del malinteso che è sorto con una minoranza dei nostri clienti ristoratori, anche se il settore è stato particolarmente colpito dalla crisi sanitaria”, riconosce Patrick Cohen, il nuovo CEO di Axa France, sottolineando che la società ha dovuto affrontare circa 1.500 controversie. “Questa situazione di disaccordo in buona fede da entrambe le parti non può continuare. È un controsenso al momento della riapertura”, aggiunge. Per lui, due opzioni sono ormai concepibili in questo conflitto tra Axa France e i ristoratori. “O aspettare che i tribunali risolvano il dibattito, con il rischio che ci voglia molto tempo ed ancora più energia. Oppure cercare un terreno comune”. E in questo caso, è questa la strada che l’azienda ha deciso di prendere. “Questo approccio fa parte di una logica di appeasement. In un momento in cui i ristoratori possono finalmente riaccogliere i loro clienti nei loro locali, vogliamo agire in modo che tutti possano guardare al futuro e impegnarsi risolutamente per la ripresa del business”, insiste il CEO di Axa France.

Così, per ogni cliente interessato a questa operazione, la proposta di compensazione di Axa France mira a coprire una somma equivalente al 15% del fatturato – sulla base dell’anno 2019 – dell’attività di ristorazione durante il periodo delle misure amministrative di divieto di ricevere il pubblico, dal 14 marzo 2020 e poi dal 29 ottobre scorso, e nel limite di tre mesi per i due lockdown. “Per dare un ordine di grandezza, questo importo equivale in media al 50% della perdita di guadagno dei proprietari di ristoranti in questo periodo”, dice Patrick Cohen. Va notato che questa proposta finanziaria riguarda tutti i clienti di Axa France in possesso di un contratto standard che comprende un’estensione della garanzia per le perdite di esercizio in seguito a una chiusura amministrativa, “sia che abbiano avviato una procedura giudiziaria o no, che siano ancora clienti o no, e che abbiano già beneficiato di un aiuto di solidarietà da parte della nostra società o meno”, sottolinea.

Axa France