Chiarimenti IVASS su orientamenti EIOPA in materia di sicurezza e governance ICT

Il 6 aprile 2021 l’EIOPA ha emanato gli orientamenti sulla sicurezza e sulla governance della tecnologia dell’informazione e comunicazione, da applicarsi a partire dal 1° luglio 2021.

Gli orientamenti forniscono le indicazioni in materia di governance previste dalla direttiva
2009/138/CE (“direttiva Solvency II”) e dal regolamento delegato (UE) 2015/35 (6) della
Commissione (“regolamento delegato”) da applicare nel contesto della sicurezza e della
governance delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT). Essi tengono
conto degli orientamenti già espressi dall’EIOPA.
.
L’IVASS, con il regolamento n.38 del 3 luglio 2018, recante disposizioni in materia di
sistema di governo societario delle imprese e dei gruppi, ha completato l’adeguamento al
framework Solvency II della normativa secondaria di settore. I principi in esso contenuti e
in particolare le disposizioni di cui all’articolo 16 in materia di sistemi informatici e cyber
security sono in larga parte coerenti con i contenuti degli orientamenti.

Il maggior grado di dettaglio operativo e il carattere di novità di alcune previsioni
richiedono una attenta rilettura dei processi, delle procedure organizzative e del sistema
dei controlli attuati dalle imprese per assicurare il pieno raggiungimento degli obiettivi.

Al riguardo, l’IVASS richiama in particolare l’attenzione sull’esigenza di integrare il sistema di gestione dei rischi tenendo conto anche delle esposizioni ai rischi in ambito ICT e cyber
security, per i quali è richiesta, tra l’altro, sia la determinazione di limiti di tolleranza sia la
predisposizione di report periodici all’Organo amministrativo, quale responsabile
dell’istituzione e dell’esito del processo di gestione dei rischi (orientamento n. 4).

Inoltre, nell’ambito del sistema di governance e nel rispetto del principio di proporzionalità,
è prevista l’istituzione di una Funzione, caratterizzata da indipendenza e obiettività,
dedicata alla sicurezza informatica il cui responsabile riferisce all’Organo amministrativo.

L’indipendenza e l’obiettività sarà assicurata con la separazione dai processi operativi e di
sviluppo delle ICT. Alla Funzione sono attribuiti compiti di assistenza e reporting
all’Organo amministrativo oltre che di monitoraggio e coordinamento delle attività in
materia di sicurezza informatica (orientamento n. 7). La Funzione non è da annoverare tra
le funzioni fondamentali, come definite dalla regolamentazione Solvency II, in quanto non
menzionata negli articoli 268 e seguenti del regolamento delegato.

Nell’ambito dei sistemi ICT, è previsto che sia istituito e attuato un processo di change
management affinché i cambiamenti introdotti siano censiti, valutati, autorizzati e attuati in
modo controllato. È altresì richiesto che siano tracciati anche i cambiamenti sopravvenuti
per cause urgenti o di emergenza (oggetto di un’analisi del rischio ex post) e che sia
stabilito se i cambiamenti al contesto operativo abbiano un impatto sulle misure di
sicurezza adottate o comportino l’adozione di ulteriori misure per mitigarne i rischi
(Orientamento n. 18).

Infine, nell’ambito di una sana gestione della continuità operativa, in relazione alla quale il
Regolamento n. 38/2018 prevede la predisposizione di un piano (art. 16, comma 2 lettera
e), è richiesto che una analisi di impatto valuti l’esposizione a gravi interruzioni dell’attività
e il loro potenziale impatto sotto il profilo quantitativo e qualitativo e che l’infrastruttura ICT
sia ideata in modo da mitigare anche i rischi rilevati da tale analisi (Orientamento n. 20).

Nelle more di una più ampia revisione della regolamentazione secondaria, l’Istituto si
aspetta che le imprese e le ultime società controllanti in indirizzo tengano conto di tutto
quanto precede al fine di assumere iniziative utili per assicurare il massimo livello di
conformità con gli orientamenti.

sicurezza e governance ICT