SCOR: rating AA- confermato da S&P, outlook stabile

Il CEO di SCOR Denis Kessler ha spiegato ai suoi azionisti martedì 16 giugno che l’impatto della crisi Covid-19 sul gruppo riassicurativo è limitato.

Questa osservazione è confermata dall’agenzia S&P Global Ratings, che ha annunciato che il rating di SCOR è stato mantenuto ad AA- con un outlook stabile. Nella competizione globale tra riassicuratori, il francese sta quindi facendo bene: solo un mese fa, S&P Global Ratings ha posto il settore riassicurativo sotto una prospettiva negativa a causa della crisi, arrivando ad annunciare possibili declassamenti del rating per gli operatori il cui capitale non era abbastanza forte.

Questo non vale per il riassicuratore francese. L’agenzia di rating ritiene che il suo “capitale sia sufficiente ad assorbire le perdite causate da Covid-19”. A seguito della crisi, il coefficiente di solvibilità di SCOR è sceso al 217% alla fine del primo trimestre 2020, rispetto al 226% di fine 2019. Tuttavia, S&P si aspetta che quest’anno si mantenga entro il suo obiettivo del 185-220%. “Riteniamo che il gruppo continui ad essere sufficientemente capitalizzato per resistere all’aumento della volatilità dei mercati e alle possibili perdite dovute a catastrofi naturali o industriali alle quali rimane esposto”, sottolinea l’agenzia di rating.

Nel primo trimestre del 2020, il riassicuratore ha registrato un utile netto di 162 milioni di euro, in crescita del 23,7%, e premi lordi per 4,16 miliardi di euro, in crescita del 2,2% a tassi di cambio costanti, apparentemente relativamente immune dalla crisi. Tuttavia, S&P prevede che SCOR registri perdite dirette relative a Covid-19 nel secondo trimestre e perdite indirette nei prossimi mesi. Come per gli altri riassicuratori, i profitti di SCOR risentiranno probabilmente delle perdite subite dal ramo riassicurativo Danni/Infortuni (P&C) e del calo della redditività degli investimenti finanziari, secondo l’agenzia di rating. Si prevede che il combined ratio di SCOR raggiunga quest’anno il 102% e che il rendimento del capitale proprio (RoE) raggiunga il 2,5-5%, sostenuto dal ramo riassicurativo vita e malattia e dagli investimenti del gruppo.

Tuttavia, si prevede che questa situazione si riprenderà rapidamente nel 2021 con un combined ratio tra il 96 e il 98% – nella zona di redditività tecnica quindi – e RoE tra il 7 e il 9%. S&P stima che SCOR ripristinerà i propri utili nel 2021 e nel 2022 grazie alla “posizione dominante sui mercati della riassicurazione Danni/Infortuni e Vita” e grazie alla “diversificazione dei prodotti e dei rami”. Il quarto più grande riassicuratore al mondo dovrebbe inoltre beneficiare dei moderati aumenti di prezzo che è stato in grado di negoziare nel settore Property & Casualty negli ultimi 18 mesi, nonché del suo programma di retrocessione, che gli consente di proteggere il suo capitale dalla volatilità degli utili.

SCOR