Polizze annullamento viaggi e covid-19 La copertura opera?

TECNICA

Autore: Fabrizio Mauceri
ASSINEWS 321 – luglio-agosto 2020

Premessa
Si sa che le coperture assistenza relative a viaggi e vacanze sono appannaggio nella maggior parte dei casi delle agenzie di viaggio, che le vendono come garanzie accessorie al pacchetto vacanze. Ma proprio perché l’evento Covid-19 ha causato l’annullamento a tappeto di migliaia di viaggi e vacanze prenotate è probabile che quando ripartirà il turismo i nostri assicurati (soprattutto quelli più scottati) vorranno sondare altre strade ed altre vie per coprire il costo della loro vacanza sicura.

Diciamo che esiste una probabilità piuttosto elevata che soprattutto i nostri clienti più importanti (titolari di aziende, liberi professionisti, manager), ossia quelli che prendono più spesso l’aereo o che fanno più viaggi e vacanze degli altri, comincino ad interpellarci per trovare soluzioni alternative e più sicure rispetto a quelle offerte dalle agenzie viaggi. È bene pertanto rispolverare i nostri contatti e le nostre conoscenze relative ai rami assistenza, onde evitare di trovarci impreparati di fronte a qualcosa che potrebbe verificarsi.

Il fatto
Due amici decidono nel gennaio 2020 di prenotare una vacanza a Cuba per fine marzo dello stesso anno. Gli stessi decidono di coprire il rischio di annullamento viaggio per non perdere i soldi spesi nel caso il viaggio non vada a buon fine. I due però scelgono due coperture diverse. Il primo si avvale della proposta che gli ha fornito l’agenzia, che prevede una assicurazione che è quasi piena al momento della stipula e diventa invece penalizzante con aumento degli scoperti a mano a mano che ci si avvicina al momento della partenza.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati