I piani di Lemonade per l’ingresso in Borsa

In soli quattro anni Lemonade è diventato un pilastro dell’ecosistema Insurtech. Il passo successivo per la start-up è un’IPO alla Borsa di New York, per la quale ha presentato domanda.

Lemonade, specializzata in assicurazioni per la casa – con la promessa del rimborso dei sinistri in pochi secondi, grazie soprattutto all’intelligenza artificiale – vuole diventare pubblica. Mentre sono diverse le insurtech già quotate in borsa in Cina (in particolare Ping An e ZhongAn), l’approccio è più insolito negli Stati Uniti o in Europa. Questa richiesta, presentata l’8 giugno, è accompagnata dalla pubblicazione di risultati che meritano attenzione.

In primo luogo, il suo fatturato. Dopo aver accumulato 9 milioni di dollari di premi lordi nel 2017, questo importo ha raggiunto 47 milioni di dollari nel 2018 e 116 milioni di dollari nel 2019 (oltre a 38 milioni di dollari nel primo trimestre del 2020): su base netta, questi importi si riducono a 22,5 milioni di dollari e 67,3 milioni di dollari rispettivamente nel 2018 e nel 2019. A priori, a differenza di altre compagnie, l’attività di Lemonade non dovrebbe soffrire “troppo” della recente crisi economica, notano alcuni analisti. Il numero di famiglie coperte è passato da 100.000 a 425.000 tra il 2017 e il 2018.

Una crescita notevole ma, come sottolineato da alcuni analisti, molto meno di quella di Root Insurance, specializzata nell’assicurazione auto, il cui fatturato è passato da $ 4 mln a $ 451 mln.
Un altro indicatore particolarmente considerato è il tasso di sinistrosità di Lemonade. Dopo un inizio inevitabilmente lento, è passato dal 161% del 2017… al 79% dell’anno scorso (e al 72% nel primo trimestre).

Tuttavia, Lemonade è ancora lontana dall’essere redditizia, con perdite ancora ben superiori ai premi (53 milioni nel 2018, quasi 109 milioni nel 2019, crescita in parte spiegata dal suo lancio in Germania e nei Paesi Bassi). Il suo utile prima degli interessi e delle imposte (EBITDA) rimane chiaramente in rosso (-204% nel 2018, -141% nel 2019 e -73% nel primo trimestre del 2020).

Nel 2019, più della metà della spesa di Lemonade era nella linea di business “Sales & Marketing” (89 su 175 milioni)! Un rapporto che si riduce leggermente all’inizio del 2020, con 62 milioni di spese quasi equamente suddivise tra spese amministrative, spese di marketing e riserve per sinistri futuri.

Finora, quasi mezzo miliardo di dollari è già stato investito in Lemonade (esattamente 480 milioni), in particolare da Allianz e SoftBank (investitore principale). La recente raccolta di fondi di Serie D di SoftBank da 300 milioni di dollari, guidata da SoftBank, aveva valutato Lemonade a più di 2 miliardi di dollari.

Tuttavia, Lemonade ritiene che una delle chiavi della sua crescita sia strutturale… e particolare: il 90% dei suoi clienti sono infatti nuovi assicurati – in breve, non assicurati in precedenza. Il 70% del suo portafoglio di assicurati ha anche meno di 35 anni e il premio medio per assicurato di Lemonade è passato da 87 a 136 dollari in tre anni. Un modello che potrebbe diventare praticabile dall’altra parte dell’Atlantico.

Lemonade

Fonte: L’Argus