Germania, la GDV porta avanti l’assicurazione contro la pandemia

L’Associazione tedesca delle compagnie di assicurazione (GDV) sta portando avanti il suo concetto di cooperazione tra Stato e privati per la copertura dei rischi di pandemia.

Favorita pare essere l’assicurazione obbligatoria per le piccole e medie imprese. A differenza del pool per i rischi del terrorismo, dovrebbe esserci anche una componente di mercato dei capitali.

Ne dà notizia il Börsen-Zeitung. L’idea è di essere pronti per la fine di giugno, quando l’associazione vuole cercare un dialogo con i politici.

Secondo quanto riporta il quotidiano finanziario presso l’Associazione tedesca delle assicurazioni (GDV), un gruppo di lavoro guidato da Jörg Asmussen si sta occupando dell’argomento. “Attualmente stiamo lavorando a un concept paper”, ha detto Asmussen in un’intervista a Börsen-Zeitung. L’ex segretario di Stato ed ex membro del Consiglio di amministrazione della BCE è membro della direzione della GDV dal mese di aprile. Il gruppo di lavoro dell’associazione è composto da membri del consiglio di amministrazione degli assicuratori e da esperti della GDV. Il concetto sarà adottato dai comitati della GDV questo mese. L’industria entrerà poi in discussione con i politici.
La proposta del gruppo di lavoro prevede che i rischi di pandemia siano coperti in quattro livelli. I primi livelli di copertura saranno assunti dagli assicuratori e dai riassicuratori, seguiti da una componente del mercato dei capitali e infine dallo Stato.
La componente del mercato dei capitali è nuova. Il sistema di copertura dei rischi terroristici organizzato dallo Stato, per il quale nel 2002 è stato creato l’assicuratore comune Extremus, non prevede infatti il coinvolgimento diretto del mercato dei capitali.
Il trasferimento dei rischi di pandemia al mercato dei capitali è ancora in una fase molto precoce. Nel 2017, in risposta all’epidemia di Ebola in Africa occidentale, la Banca Mondiale aveva emesso tre anni prima un’obbligazione con un volume di 320 milioni di dollari per consentire ai Paesi in via di sviluppo di ricevere rapidamente aiuti in caso di pandemia. Munich Re e Swiss Re avevano elaborato la struttura dei bond. La crisi legata alla pandemia Coronavirus ha colpito i bond. Già nel mese di aprile il portale di settore Artemis ha segnalato che la tranche B a maggior rischio del bond è stata completamente cancellata e che il 16,7% della tranche A è stato colpito.
Alcuni altri titoli sul mercato dei cat bond sono indirettamente legati alle pandemie. Assicurano gli assicuratori sulla vita contro il rischio di una maggiore mortalità (“mortalità estrema”). Tuttavia, Asmussen è fiducioso sull’accettazione delle obbligazioni pandemiche: “Dopo le indagini di mercato, crediamo che ci sia un appetito degli investitori”, ha detto. “Ma non è illimitato”. Ecco perché la componente governativa è fondamentale, ha detto, visti i rischi di accumulo.
La pressione reputazionale sul settore
Il settore assicurativo è sotto pressione quando si tratta di protezione contro le pandemie. L’esclusione delle pandemie nella maggior parte delle assicurazioni per la chiusura di imprese, spesso sottoscritte da alberghi e ristoranti, non era stata comunicata in modo chiaro e inequivocabile alla maggior parte dei clienti. Da settimane infuria una discussione su questo argomento. Molti clienti interessati non sono soddisfatti delle concessioni fatte finora dagli assicuratori. La questione è diventata quindi un rischio di reputazione per il settore.
Inoltre, la domanda di copertura futura sarà probabilmente elevata. Questo perché la maggior parte delle aziende vuole proteggersi il più possibile dai rischi che minacciano la loro esistenza. I principali rappresentanti del settore, come il numero uno di Allianz, Oliver Bäte, si erano già espressi a favore della cooperazione tra il settore privato e quello pubblico.
Poiché la pandemia è un rischio che riguarda l’intero Paese e non solo i singoli assicurati o i clienti in determinate regioni, la GDV sta valutando la possibilità di un’assicurazione obbligatoria. Asmussen ha detto così: “C’è una preferenza per una soluzione obbligatoria, ma non è stata ancora presa una decisione definitiva”. Dal punto di vista politico, una proposta del genere rischia di essere esplosiva. La discussione sull’assicurazione obbligatoria è stata particolarmente accesa dopo le catastrofi alluvionali degli ultimi due decenni – da ultimo nel 2013. La GDV si era pronunciata contro l’assicurazione obbligatoria per la protezione contro gli eventi naturali. Tuttavia, le sette ragioni addotte dalla GDV in un articolo pubblicato nel giugno 2016 non sono quasi tutte trasferibili a una possibile copertura pandemica.
Lasciate fuori le grandi aziende

A differenza dell’assicuratore contro il terrorismo Extremus, le grandi imprese non dovrebbero essere tra i destinatari delle coperture contro la pandemia. “C’è la tendenza a limitare il concetto alle piccole e medie imprese”, ha detto Asmussen.
Con il concetto, che secondo lui sarà più probabile che sia di cinque pagine piuttosto che di 25, la GDV sta definendo un quadro strategico approssimativo piuttosto che entrare nei dettagli. Ad esempio, Asmussen dice di non poter ancora dire nulla sui costi della protezione dalle pandemie per le aziende. Lo stesso vale per la cerchia degli assicuratori che in seguito si faranno carico di tale copertura.
“In termini organizzativi, come per Extremus, abbiamo bisogno di una nostra entità giuridica”, ha sottolineato Asmussen.
Secondo Asmussen, i tempi per l’introduzione della copertura dipenderebbero molto da come viene valutata l’urgenza in politica. La protezione dello Stato privato dalla pandemia dovrebbe passare attraverso un processo legislativo, ha detto Asmussen. In Francia, ad esempio, l’obiettivo era quello di avere una copertura contro la pandemia entro l’inizio del 2021.
La discussione su un’assicurazione statale contro la pandemia è attualmente in corso in numerosi paesi. Asmussen ha detto che si osservano sviluppi soprattutto in Francia, Italia, Gran Bretagna e Svizzera. È stato inoltre istituito un gruppo di lavoro sull’argomento a livello di Insurance Europe, l’organizzazione delle associazioni europee di assicuratori. È guidata dal numero due del Gruppo Generali, Frédéric de Courtois. Attualmente, ha detto Asmussen, i concetti nazionali sono stati elaborati ovunque. Resta da vedere se questo può essere collegato in rete a livello europeo in una seconda fase.
Negli Stati Uniti, pochi giorni fa, la deputata democratica del Parlamento Carolyn B. Maloney ha presentato al Congresso il Pandemic Risk Insurance Act. Prevede che lo Stato intervenga con una partecipazione del 95% se le perdite assicurate superano i 250 milioni di dollari.

pandemia