Fitch: il settore riassicurativo globale non riuscirà a guadagnare il suo costo del capitale su COVID-19

L’impatto ampio e incerto della pandemia COVID-19 in corso potrebbe far sì che il settore riassicurativo globale non riuscirà a guadagnare il suo costo del capitale nel 2020, secondo Fitch Ratings.

Dopo aver completato una revisione dei rating del settore, Fitch ha avvertito che i risultati finanziari dei riassicuratori saranno colpiti da richieste di risarcimento per decessi e perdite da numerosi rami, mentre le turbolenze dei mercati finanziari legate alle ricadute economiche colpiranno gli attivi.

Le sfide causate dall’attuale crisi fanno seguito all’intensificarsi dell’attività catastrofica e all’aumento dei sinistri negli Stati Uniti, che, come osservato da Fitch, sono serviti a mettere sotto pressione gli utili delle compagnie di riassicurazione nel 2017-2019.
Oltre ai sinistri legati alla mortalità, l’agenzia di rating prevede di assistere a perdite di sottoscrizione nei rami annullamenti di eventi, interruzioni di attività e anche assicurazioni di credito e fideiussioni. I risultati del primo trimestre 2020 hanno dimostrato che questi rami hanno già registrato perdite e ci si aspetta che ce ne siano altre in futuro.

Rimane una diffusa incertezza sulla durata della pandemia e sul potenziale di una seconda ondata, quindi ci vorrà un po’ di tempo prima che si comprenda l’intero impatto finanziario sul settore assicurativo. Inoltre, i risultati del primo trimestre hanno mostrato che i riassicuratori non sono certamente immuni dalle perturbazioni dei mercati finanziari, con alcune perdite di investimento abbastanza consistenti registrate in mercati azionari in declino, anche se i rapporti suggeriscono che ci sia stato un certo rimbalzo da aprile.

Fitch continua a considerare la capitalizzazione del segmento riassicurativo globale come mediamente forte, con coefficienti patrimoniali proforma “non tanto più deboli” di quelli registrati alla fine del 2019. In definitiva, Fitch si aspetta che i livelli di capitale reggano nella maggior parte dei casi e non siano un fattore determinante per le azioni di rating.

Alla luce dell’epidemia di coronavirus (COVID-19), Fitch ha condotto una revisione dei rating dei riassicuratori globali in aprile e maggio. L’agenzia di rating ha intrapreso azioni di rating negative su sei dei 22 riassicuratori esaminati, con due declassamenti di un punto, tre affermazioni ma con prospettive riviste a Negativo, e per uno il rating IFS è stato posto su Rating Watch Negative.

Per 15 dei gruppi esaminati, Fitch nota che i rating IFS sono stati confermati con outlook stabili e per uno è stato mantenuto il Rating Watch Evolving sul rating IFS.
“Il driver principale per le azioni di rating negative è stato il peggioramento della performance finanziaria”, dice Fitch.
Fino al 2020 e al 2021, Fitch afferma che i premi delle assicurazioni primarie potrebbero contrarsi alla luce della situazione economica, ma aggiunge che si aspetta di vedere un aumento della domanda di riassicurazione mentre si cerca di mitigare gli impatti della pandemia.

Inoltre, è probabile che i tassi di riassicurazione aumentino a causa di un leggero indebolimento del capitale del settore, afferma Fitch, che a sua volta dovrebbe compensare il calo dei rendimenti degli investimenti.

C’è chi sostiene che la pandemia COVID-19 esacerberà l’irrigidimento dei tassi nel settore riassicurativo, quindi con la domanda prevista in aumento potrebbe esserci l’opportunità per alcuni di trarre vantaggio dalle attuali dinamiche di mercato.
“Le implicazioni finali della pandemia sui profili di credito dei riassicuratori globali sono incerte, ma i rischi sono sbilanciati verso il basso per le compagnie che non possono guadagnare il loro costo del capitale su base sostenibile, date le implicazioni negative a lungo termine per le loro posizioni di capitale”, conclude Fitch.

COVID-19