Il ceo Sesana: confermati gli obiettivi di Generali Italia per il 2021

di Anna Messia
Confermati gli obiettivi industriali di Generali Italia al 2021. Lo ha assicurato il country manager e ceo Marco Sesana ieri nel corso della presentazione online della strategia Partner di Vita 2021 e della nuova offerta retail. «Gli obiettivi industriali che ci siamo dati al 2021 ritengo che possano essere confermati», ha detto Sesana, aggiungendo che «l’obiettivo di avere 2,5 milioni di clienti connessi, previsto dal piano, sarà raggiunto in anticipo e con Immagina Adesso, lo strumento che presentiamo oggi (ieri per chi legge, ndr) contribuiremo con altri 200 mila clienti almeno». Gli obiettivi del piano prevedevano in particolare l’aumento della soddisfazione clienti (+10 punti del Net Promoter Score), l’aumento della produttività della rete (+10-15%), la crescita del 65% dei premi Protection Vita e il ribilanciamento del portafoglio Danni con incremento della componente non Auto al 60%; premi della protezione persona +20% e appunto 2,5 milioni clienti connessi (ovvero una crescita del 65%). Traguardi che, secondo Sesana, restano tutti a portata di mano.
Riguardo l’iniziativa presentata ieri, con Immagina Adesso, la nuova soluzione tecnologica retail, «il cliente sceglie ciò che ha più valore per lui, costruisce insieme all’agente la sua playlist di protezione, prevenzione e assistenza in modalità smart e la aggiorna in base al percorso di vita», hanno spiegato dalla compagnia. «Immagina Adesso è la soluzione assicurativa che interpreta tutte le priorità della nostra Strategia Partner di Vita per essere più vicini al cliente con una rete più digitale, più agile e smart e più sostenibile. Abbiamo trasformato in soli due anni l’intera offerta retail, pari all’82% del nostro portafoglio, per essere partner di vita delle persone nei momenti rilevanti: famiglia, benessere, mobilità, lavoro e risparmio», ha aggiunto Sesana.
Generali, secondo gli ultimi dati recentemente pubblicati da Ania, si è conferma prima nella classifica delle assicurazioni italiane stilata dall’associazione delle compagnie per il 2020. Il risultato è stato raggiunto sommando i premi contabilizzati nei rami Danni e Vita, che per Generali superano quota 24,6 miliardi di euro, con un’incidenza del 15,49% sul totale del mercato: seguono Intesa Vita con 18,5 miliardi e Poste Vita con 17,9 miliardi. Crescita destinata a proseguire nonostante gli effetti del virus.
«Siamo convinti che nel nuovo contesto la nostra Strategia 2021 abbia ancora più valore: acceleriamo nella trasformazione digitale e proseguiamo il piano di investimento triennale di 300 milioni di euro per innovazione, competenze e persone. Siamo consapevoli della nostra responsabilità verso le persone, la comunità e il Paese e riteniamo importante agire insieme per generare fiducia: in questa fase per fronteggiare il Covid-19 e sostenere la ripresa dell’Italia abbiamo da subito attivato un piano di azioni di oltre 110 milioni di euro», ha concluso il manager. (riproduzione riservata)

Fonte: logo_mf