Assicurazione contro la pandemia: Munich Re e Marsh avevano pronta un’offerta nel 2018

A metà del 2018, Munich Re, in collaborazione con la società di modellizzazione dei dati sanitari e di sorveglianza delle epidemie Metabiota e il broker Marsh, aveva lanciato una polizza assicurativa per coprire i danni da interruzione attività collegati al rischio di pandemia. Non è mai stata acquistata. La rivista americana Wired racconta la storia in un lungo e critico articolo.

Nel 2011 Gunther Kraut, Global Head of Epidemic Risk di Munich Re, ha affrontato il tema della pandemia. È allarmato dalle conseguenze di questo rischio, anche se molto basso, sugli affari vita del riassicuratore. Pochi portafogli di assicuratori sono riassicurati contro questo rischio, che assomiglia alla “catastrofe naturale dell’assicurazione persone”, ma dal punto di vista dei riassicuratori i trattati sono semplicemente inesistenti. Nel 2013, riesce comunque ad assicurarsi un pool di investitori, tra cui un grande fondo pensione australiano. Ma poi l’OMS cambia il suo sistema per descrivere le fasi di un’epidemia e la compagnia cerca un partner che l’aiuti a costruire il suo contratto.

A quel punto si è unito a Metabiota, una start-up fondata da Nathan Wolfe, virologo ed ex professore di epidemiologia all’Università di Los Angeles (UCLA), che da oltre un decennio mette in guardia sui rischi di una pandemia. Insieme, hanno deciso di progettare un’offerta assicurativa parametrica contro la pandemia per coprire le perdite economiche delle aziende. Per fare questo, hanno combinato i dati epidemiologici con un “indice di paura”, che hanno modellato per valutare più accuratamente le potenziali conseguenze di una malattia sull’attività economica. La copertura si attiverebbe automaticamente al raggiungimento di una soglia predeterminata dall’epidemia, senza che le aziende debbano denunciare un sinistro.

A loro si è aggiunto Marsh, il cui direttore del settore alberghiero, sportivo e del tempo libero Christian Ryan era ben al corrente delle conseguenze di una pandemia: suo padre, proprietario di un albergo in Brasile, aveva dovuto decidere di vendere il suo stabilimento a un prezzo ridotto in seguito allo scoppio del virus Zika nel 2016.

Come gli scienziati nei film catastrofici che lanciano allarmi nel vuoto, anche i loro sforzi sono finiti in un fallimento. Solo una società al mondo ha sottoscritto queste garanzie. “Tutti hanno riconosciuto il rischio, ma penso che alla fine sia stata una decisione economica”, dice Ryan. “Molti clienti dicevano: ‘Non ora, parliamone l’anno prossimo, posso fare un budget per questo… Troppo tardi”!

All’inizio della crisi di Covid-19 nel gennaio 2020, Munich Re è stata alla fine travolta dalla domanda, ma a questo punto si è rifiutata di stipulare contratti. Sarebbe stato un suicidio finanziario. “È la natura umana, tutto qui”, commenta Gunther Kraut. “Ogni volta che si verifica un disastro, la gente vuole assicurarsi immediatamente contro di esso”.

Alla fine, pochissime organizzazioni erano coperte contro i danni immateriali conseguenti ad una pandemia all’epoca della comparsa di Covid-19. Ciò vale soprattutto per il settore degli eventi. Ad esempio, il torneo di Wimbledon avrebbe ricevuto un’indennità di 140 milioni di dollari a copertura della sua cancellazione, come parte di una garanzia contro il rischio di una pandemia sottoscritta nel 2003, dopo la SARS.

pandemia