Assicurazione dei danni ambientali non solo spese di bonifica

GIURISPRUDENZA

Sussistenza di una garanzia semi-sconosciuta, celata fra le pieghe della normativa di polizza

Autore: Clemente Fargion
ASSINEWS 321 –  luglio-agosto 2020 

Il fatto
Il verificarsi di numerosi casi di intossicazione nei Comuni limitrofi ad una zona industriale del Pavese, in cui si trovavano alcune industrie chimiche, fece scattare le indagini della magistratura che portarono a identificarne la causa nella presenza di ciclo-alcheni nell’acqua potabile dei Comuni interessati dal fenomeno. Nell’area si trovavano alcune industrie chimiche, su due delle quali si concentrò l’attenzione degli inquirenti. Non essendo riusciti ad escludere nessuna delle due industrie nel mirino delle indagini, la Magistratura ha mantenuto aperte le ipotesi di incriminazione di entrambe.

L’indagine della Magistratura
La mancanza di prove che assegnassero ad una sola di esse le responsabilità in merito al rilascio nell’acqua di falda di residui alchilici, altamente inquinanti per la facilità della molecola di rompersi, formando composti anche imprevisti con altre sostanze presenti nell’acqua anche se solo a livello di tracce, spinse l’Autorità giudiziaria a decidersi per una chiamata in correo delle due personalità giuridiche.

Vennero attivate le azioni legali da parte delle famiglie – nelle quali si erano verificati casi di intossicazione – costituitesi nel frattempo parte civile. L’inchiesta richiese parecchi mesi, ma alla fine le indagini della Magistratura portarono a concludere che esisteva una responsabilità penale per lesione personale plurima a carico di ciascuna industria chimica, entrambe chiamate a rispondere anche dei danni arrecati alle persone ai sensi dell’art. 185 del codice penale, libro primo, titolo VII, delle sanzioni civili del reato contro la persona e degli artt. 2043 e 2059 del codice civile. Tutto ciò con la condizione sospensiva che qualora una delle due società incriminate avesse prodotto le prove della propria estraneità ai fatti, sarebbe stata prosciolta in seconda istanza.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati