All’Elba la prima polizza Covid

di Gaetano Costa
È un’assicurazione sulle vacanze. Con misure specifiche per eventuali disdette legate al coronavirus. La polizza, ideata per la prima volta all’isola d’Elba, permette ai turisti italiani e stranieri la copertura dei costi relativi al soggiorno in caso di situazioni negative, comprese quelle derivanti dal Covid-19. Se le ferie saltano per l’infezione, chi ha prenotato verrà rimborsato.

Il progetto, denominato #ElbaOk, è stato concepito dalla Gestione associata del turismo insieme con Nobis assicurazioni e con l’Agenzia generale plurimandataria Galgano. Si tratta di una polizza assicurativa studiata solo per l’Elba, gratuita nelle strutture convenzionate, che i turisti potranno sottoscrivere sul sito elbaok.it. L’assicurazione garantisce protezione prima e durante la vacanza, copre ogni eventuale costo di cancellazione, anche dovuta al Covid, e rimborsa tutte le spese sostenute.

«Questa polizza l’ho prima sognata, poi l’ho pensata, e alla fine, insieme, l’abbiamo realizzata», ha spiegato il presidente della Gestione associata del turismo, Ruggero Barbetti. «Nessuno, in piena emergenza Covid-19, poteva prevedere come si sarebbe evoluta la situazione nei mesi a seguire, ma gli elbani, che vivono isolati per natura geografica, erano convinti che l’isola, grazie alla tipologia delle sue strutture ricettive, alla sua struttura morfologica che impedisce naturalmente le aggregazioni di massa, nonché alle oltre 200 spiagge, ai 150 chilometri di costa e alle molte attività che si possono fare all’aria aperta, sarebbe stata una meta capace di garantire a tutti relax, vita attiva, sicurezza e serenità».

L’assicurazione, tra le altre cose, prevede l’annullamento della prenotazione di tutte le strutture ricettive, dagli hotel agli appartamenti, per qualsiasi causa, compresa una diaria da ricovero e indennità da convalescenza in caso di Covid-19. La polizza non è rivolta solo ai vacanzieri italiani ed europei, ma potrà essere sottoscritta da chiunque sceglierà l’Elba per l’estate del 2020, da qualsiasi parte del mondo provenga. L’assicurazione, in caso di disdetta, è in grado di coprire anche i costi di aereo e di viaggio in auto dai confini italiani alla destinazione.

«Il prodotto non è rivolto solo al turista, ma anche ai proprietari e ai gestori di ogni tipo di struttura ricettiva», ha sottolineato Barbetti. «Gli operatori del settore potranno a loro volta essere sicuri di non dover restituire l’importo di quanto versato dal cliente in caso di annullamento del soggiorno, che sarà risarcito dall’assicurazione. È per questo che le strutture ricettive hanno la facoltà di compartecipare, attraverso l’emissione di un codice sconto, al costo della polizza, oppure potranno offrirla al cliente nel costo del soggiorno».

L’isola toscana si conferma in prima linea per garantire ai turisti un soggiorno sereno in una stagione estiva caratterizzata dalle conseguenze della pandemia. Nell’isola, all’inizio di maggio, era stata lanciata l’iniziativa #Elbasicura, una sorta di progetto pilota con una serie di misure per garantire l’incolumità di bagnanti e visitatori. Ora è il momento della polizza anti-Covid. Dopo l’Elba sicura, l’Elba assicura. 


© Riproduzione riservata

Fonte: