RASSEGNA STAMPA ASSICURATIVA 18/06/2019

logo_mf

Con i tassi d’interesse ai minimi storici e i mercati ballerini le cartolarizzazioni si sono rivelate una valida alternativa per diversificare gli investimenti e incassare rendimenti interessanti. Se ne sono accorti in Banca Generali dove, nell’ultimo anno e mezzo, hanno realizzato operazioni di questo tipo per un ammontare di circa 800 milioni di euro risultando tra gli operatori più attivi in questa direzione. Titoli che sono finiti finora esclusivamente nelle tasche di investitori istituzionali ma l’amministratore delegato della banca del gruppo Generali , Gian Maria Mossa, è convinto che questi strumenti possano essere portati anche ai clienti private, chiaramente con un attento controllo della diversificazione e dei profili di rischio, con un doppio effetto positivo sia per i clienti sia per il sistema economico, come spiega a MF-Milano Finanza.
Unipol cresce ancora in Bper. Il gruppo assicurativo bolognese guidato da Carlo Cimbri ha acquistato 5,845 milioni di azioni di Bper, pari all’1,2% del capitale, investendo 24,1 milioni. Unipol, che ha un’autorizzazione della Bce a salire fino al 20% della banca modenese entro la fine di giugno, è salita così al 18,5% circa dell’istituto guidato da Alessandro Vandelli, di cui è già primo azionista.

Vera, il camion a guida autonoma di Volvo, viaggia al massimo a 40 km/h, monitorato dall’alto da una torre di controllo
Per quanto riguarda i camion a guida autonoma, Volvo passa dai prototipi al primo impiego pratico: nel terminal portuale di Göteborg, in Svezia, è entrato in servizio Vera, il veicolo autonomo della casa svedese che da due anni è nelle mani dei cinesi di Geely.

 

Dispositivi per la salute o piccoli elettrodomestici per facilitare una cucina sana, l’alimentazione equilibrata, la palestra e il centro estetico, ma anche gli integratori sono tutte voci di un’economia del benessere che muove ogni anno in Italia 43 miliardi di euro. Philips ha deciso di fotografarla nell’ottica della «continuum of care», la nuova filosofia dell’azienda passata dall’hi-tech all’health technology.

corsera

  • «Occupazione CasaPound Un danno da 4,6 milioni»
Quattro milioni e 600 mila euro. È quanto ha perso lo Stato per l’immobile occupato da CasaPound in pieno centro a Roma: 15 anni di canoni non riscossi «per l’inerzia» di 9 dirigenti dell’agenzia del Demanio e del Miur, che è proprietario dell’immobile all’Esquilino, per i quali è scattato l’avviso di chiusura delle indagini della Corte dei Conti di Roma. Il M5S ora torna a chiedere al ministro dell’Interno Salvini, che non l’aveva reputata una priorità, di far sgomberare l’edificio occupato dal 2003.
  • Pensioni, per le imprese ipotesi di scivolo fino a 5 anni
Via la solidarietà espansiva, al suo posto il «Contratto di espansione»: nella tarda serata di ieri le commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno approvato un emendamento dei relatori che prevede per le grandi aziende con più di mille lavoratori, all’interno di un processo di rinnovamento tecnologico, la possibilità di incentivare l’uscita dei più anziani dando loro in cambio uno «scivolo» — a carico delle imprese — fino a 5 anni dalla pensione (la proposta iniziale era uno scivolo di 7 anni). Le aziende potranno anche ridurre l’orario degli altri dipendenti e fare assunzioni. Le Commissioni Bilancio e Finanze della Camera procedono all’esame del decreto crescita, atteso in Aula tra oggi e domani, e che deve essere convertito entro il 29 giugno. Tra le misure di maggior portata c’è la decisione di rendere strutturale il taglio delle tariffe Inail, per 600 milioni l’anno, ma a partire dal 2023 (lo sgravio è finanziato per il 2019-2021). Un emendamento concede poi un anno di tempo all’Inpgi, l’istituto di previdenza dei giornalisti, per una riforma che garantisca l’equilibrio attuariale, al limite anche ampliando la platea contributiva.

Taglio al cuneo Inail strutturale dal 2023

Scatto finale dopo una lunghissima giornata di lavori parlamentari per centrare nella notte il primo via libera al decreto crescita. Il testo approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, che passa ora all’esame dell’Aula, dovrà poi essere approvato definitvamente dal Senato entro il 29 giugno. Numerosi gli emendamenti approvati, a configurare alla fine un vero e proprio decreto “omnibus” gonfiato da decine di articoli aggiuntivi rispetto ai 51 della versione che fu approvata dal consiglio dei ministri. Via libera, tra le altre misure, alla proroga fino al 30 settembre dei versamenti per i soggetti che applicano le nuove pagelle fiscali (Isa), la moratoria di sei mesi delle sanzioni per chi dal 1° luglio prossimo sarà obbligato all’invio telematico dei corrispettivi. Nutrito il pacchetto di correttivi sul sistema finanziario. Votata la norma che concede alle imprese (non solo banche) ubicate al Sud di trasformare le Dta in crediti d’imposta per un ammontare non superiore a 500 milioni. Novità anche per i riparmiatori coinvolti nei crack bancari. Per i rimborsi diretti l’Isee a 35mila euro non dovrà tener conto della previdenza complementare così come il limite di 100mila euro di patrimonio mobiliare sarà al netto anche di eventuali assicurazioni sulla vita. Con un emendamento Pd saranno ritenuti prioritari i rimborsi fino a 50mila euro. Proroga poi fino al 30 dicembre 2019 per le garanzie dello Stato per Carige. Sempre in ambito finanziario, arriva anche l’esenzione fiscale per i redditi di capitale derivanti da investimenti effettuati nel 2020, e mantenuti poi per almeno cinque anni, nei nuovi fondi di investimento europei a lungo termine Eltif. Si potranno investire fino a 150mila euro nell’anno e non oltre 1,5 milioni totali. Un ulteriore emendamento prevede che la Consob potrà d’ora in poi ordinare ai fornitori di connettività alla rete internet così come ai gestori di altre reti telematiche la «rimozione» di chi effettua trading senza abilitazione.
  • Bper, Unipol compra e approda al 18,5%
Unipol ha acquistato 5,845 milioni di azioni Bper, pari all’1,2% del capitale, investendo 24,1 milioni di euro e salendo al 18,5% della banca. Il gruppo bolognese ha un’autorizzazione per salire fino al 20% dell’istituto entro fine di giugno. Ieri Unipolsai ha ceduto a MultiMedica un complesso immobiliare a Sesto San Giovanni. Per Multimedica si tratta di un investimento di oltre 40 milioni di euro.
  • Mifid2 fa la sua prima vittima: tagliata l’analisi sulle società italiane
Quasi un anno e mezzo ormai. Tanto è trascorso dall’ingresso di Mifid 2 i cui impatti sul mondo degli investimenti restano ancora tutti da valutare, nel momento in cui i clienti stanno iniziando a ricevere gli attesi (e temuti) prospetti sui costi legati alle commissioni sui prodotti di risparmio. Qualche certezza inizia però già ad apparire in un aspetto collaterale, ma non per questo di minore importanza: la ricerca finanziaria ha subito una battuta d’arresto, in Italia come in altri Paesi d’Europa, anche a causa dell’introduzione della direttiva. In diciotto mesi è diminuito il numero degli analisti, quello dei report pubblicati e in generale si è ridotta la copertura sulle società quotate a Piazza Affari.

Handelsblatt

 

Scandalo fiscale relativo alle transazioni azionarie illegali sta attirando: questa volta gli imputati sono otto, il danno fiscale ammonta a quasi 14 milioni di euro. Giovedì scorso, gli investigatori della procura di Francoforte, insieme agli investigatori fiscali dell’Assia, hanno perquisito tre appartamenti e locali commerciali nell’ambito dello scandalo fiscale che coinvolge transazioni azionarie controverse.
Secondo una dichiarazione della procura di Francoforte di lunedì scorso, le indagini sono dirette contro otto imputati di età compresa tra i 42 e i 60 anni.  Cinque degli imputati sono dipendenti degli investitori che stanno dietro i fondi interessati dalle controverse operazioni azionarie. Secondo l’Handelsblatt, quattro degli imputati provengono da grandi compagnie di assicurazione. Ancora una volta, due avvocati del rinomato studio legale Freshfields Bruckhaus Deringer sono nell’elenco degli imputati.