Ramo infortuni 2018: la garanzia invalidità permanente ha raccolto il 36% dei premi contabilizzati

Nel 2018 i premi contabilizzati (polizze individuali e collettive) relativi al ramo Infortuni, raccolti da imprese italiane e rappresentanze UE ed extra-UE, sono stati pari a € 3,5 mld, in lieve aumento (+0,8%) rispetto all’anno precedente (nel I semestre 2018 si registrava invece un calo dello 0,5%).

L’ANIA stima che i premi di nuova produzione sottoscritti nell’anno abbiano rappresentato il 15% del totale, (19% nel 2017), a fronte di un ammontare pari a € 525 mln, in calo di oltre il 20% rispetto all’anno precedente. La garanzia invalidità permanente (totale o parziale) ha raccolto il 36% dei premi contabilizzati, per un importo di € 1,3 mld, l’1,2% in più rispetto al 2017.

L’unico trend negativo, tra tutte le garanzie, è quello registrato dai premi a copertura dell’infortunio del conducente, con un decremento annuo del 2,1% e un ammontare pari a € 760 mln (il 21% del totale), mentre i premi della garanzia morte, a fronte di un importo pari a € 601 mln (il 17% dell’intera raccolta), osservano un aumento dello 0,7%. I premi relativi alla copertura inabilità temporanea sono stati pari a € 297 mln (l’8% dell’intero portafoglio), in crescita del 6,1% rispetto al 2017, registrando l’incremento più elevato tra tutte le garanzie.

Fonte: ANIA