I Lloyd’s incontrano AIG e Chubb: obiettivo incrementare il business USA

I Lloyd’s di Londra incontrano gli assicuratori statunitensi. Obiettivo degli incontri: come incrementare il business a livello globale. Così ha detto all’agenzia Reuters John Neal, Chief Executive Officer del mercato londinese, rivelando che i primi appuntamenti in agenda sono con i vertici di American International Group e Chubb.

Neal, che ha assunto la guida dei Lloyd’s a fine 2018, sta cercando di trasbordare nel nuovo millennio la piazza assicurativa londinese con tutto il suo bagaglio storico di 330 anni. Giocare la carta della digitalizzazione è quasi scontato, dopo i 3,9 miliardi di perdite complessivamente registrati negli ultimi due esercizi. È vero che i Lloyd’s assicurano di tutto, dalle gambe delle star del calcio e del cinema, alla voce dei cantanti, al palato dei sommeliers, ma sono le grandi perdite causate dalle catastrofi naturali ad aver innescato l’andamento negativo degli ultimi due anni.

Mentre i piani per l’installazione di piattaforme elettroniche vedranno luce non prima del prossimo anno, l’intricata struttura dei Lloyd’s con i 99 sindacati di sottoscrizione e le centinaia di broker, aggiunge complessità al cambiamento.

Neal ha spiegato chiaramente la sua strategia che contempla lo spostamento del focus geografico dei Lloyd’s verso quei mercati già maturi, come gli Stati Uniti e il Canada – che hanno rappresentato il 51% delle attività dei Lloyd’s nel 2018 – che presentano ancora ottime prospettive di crescita. I Lloyd’s hanno spiegato le strategie per il mercato degli Stati Uniti nel corso di una cena di lavoro tenutasi la settimana scorsa al World Trade Center di New York, parzialmente ricostruito grazie anche agli 8 miliardi di dollari di indennizzi pagati dal mercato dei Lloyd’s. “Stiamo parlando con tutti i grandi assicuratori. Stiamo chiedendo loro come si sentono nel mercato dei Lloyd’s e in che modo possiamo aiutarli a migliorare”, ha detto Neal aggiungendo che AIG e Chubb hanno subito dimostrato di essere molto interessati all’argomento. Neal ha aggiunto di aver parlato con Brian Duperreault, ceo di AIG e Peter Zaffino, ceo della divisione General Insurance di AIG, sulla possibilità di aumentare la vendita di soluzioni assicurative tramite i Lloyd’s. “Dalle conversazioni avute l’impressione è che sia Duperreault sia Zaffino sarebbero ben felici di poter incrementare il business con i Lloyd’s”, ha aggiunto Neal, che ha anche rivelato come i suoi colleghi londinesi siano rimasti sorpresi nell’apprendere che il mercato degli Stati Uniti sarebbe stato considerato prioritario nelle strategie dei Lloyd’s. inutile dire che ritenevano di maggiore appeal le economie emergenti. Neal ritiene invece che “diverse aree di business negli States presentino ottime prospettive di crescita, come ad esempio il segmento specialty che copre rischi unici e sofisticati come il rischio reputazionale di un’azienda, piuttosto che i rischi liability legati a una operazione di merger che all’improvviso si complica fino a saltare. E ancora le “professional lines” che includono le coperture D&O”. Il business assicurativo e riassicurativo sviluppato a livello globale nei segmenti commercial, corporate e specialty ha un valore di 750 miliardi di dollari “e la metà di questi premi sono sottoscritti negli Stati Uniti”, ha precisato Neal, aggiungendo che “un dollaro su due di tutto ciò che interessa i sottoscrittori dei Lloyd’s è negli Stati Uniti”.