L’esordio di Panetta all’Ivass dice che ha già in mano la situazione

L’esordio del neopresidente dell’Ivass, Fabio Panetta, direttore generale della Banca d’Italia, nello svolgimento, ieri, delle Considerazioni sulla Relazione 2018 ha confermato i caratteri del suo agire nella Banca centrale, con un approccio concreto, che scende subito in medias res, evitando voli pindarici, sempre scrupolosamente argomentato e con la necessaria determinazione nell’indicare le possibili soluzioni ai problemi che incombono. Insomma, una visione essenzialistica, fondamentale innanzitutto per la tutela del consumatore non solo ex post correggendo disfunzioni già verificatesi, ma anche ex ante, nonché definendo, per l’attività di vigilanza, modelli di analisi dei rischi di condotta al fine di rilevare indici di anomalia nei canali distributivi fino al singolo intermediario. Le coordinate sono la stabilità, l’efficienza e la trasparenza del settore che richiede un raccordo con l’Authority europea competente, l’Eiopa, dunque, la prevenzione o la mitigazione dei rischi alla stabilità delle assicurazioni; il rafforzamento dell’esercizio dei poteri di controllo; la tutela del consumatore.


Fonte: logo_mf