Sara Assicurazioni: sale al 75% la partecipazione di ACI

Formalizzato l’incremento della partecipazione di ACI in Sara Assicurazioni spa, con l’acquisizione di un ulteriore 20,78% del capitale sociale della compagnia. In particolare, ACI ha acquisito il 16,78% da Reale Mutua e il 4% dal Gruppo Generali.

In questo modo ACI, già proprietaria della maggioranza (54,22%), sale al 75% della partecipazione in Sara Assicurazioni spa.

Questo – dichiara Alberto Tosti, Direttore Generale di Sara Assicurazioni – è un momento importante di consolidamento dell’interesse dell’azionista di riferimento, mantenendo il prezioso supporto nel capitale sociale di due importanti gruppi assicurativi, quali Reale Mutua e Generali, che rimangono azionisti rispettivamente per il 14,65 % e il 10%. Con la robusta solvibilità che ci caratterizza, persisteremo con energia nella nostra strategia di diversificazione e di trasformazione digitale, dando la solita priorità al servizio destinato alla nostra rete fisica di agenti che continua a rappresentare il nostro asset principale insieme al nostro capitale umano”.

“In una logica di riallocazione e di diversificazione degli investimenti della nostra Società – dichiara Luca Filippone, Direttore Generale di Reale Mutua – abbiamo colto l’opportunità di cedere una parte della nostra interessenza in Sara Assicurazioni. A seguito di tale operazione, manteniamo ancora una quota significativa, pari al 14,65% del capitale sociale, a conferma della nostra intenzione di continuare a supportare, a fianco dell’azionista di maggioranza ACI,  il processo di sviluppo della Compagnia romana nella quale siamo presenti sin dalla sua costituzione”.

“La cessione da parte del Gruppo Generali del 4% del capitale di Sara Assicurazioni – commenta Giancarlo Fancel, Chief Financial Officer di Generali Country Italia – rientra nel consueto meccanismo di riallocazione degli investimenti. Siamo soddisfatti di aver contribuito al rafforzamento di ACI nell’azionariato della Compagnia di cui, come Gruppo Generali, manteniamo in portafoglio una quota importante, pari al 10%” .