Cina, raccolta premi in calo dell’8%

Secondo i dati raccolti dalla China Banking and Insurance Regulatory Commission, nei primi quattro mesi dell’anno la raccolta premi complessiva dell’industria assicurativa ha registrato un calo del 7,84% rispetto al primo quadrimestre del 2017.

Da gennaio ad aprile le compagnie assicurative cinesi hanno registrato una raccolta premi totale di circa 260 miliardi di dollari.

Si tratta di un calo fisiologico che segue la decisione delle autorità di rafforzare la regolamentazione del settore per cercare di disinnescare i rischi finanziari.

In particolare, compagnie property hanno visto un incremento della raccolta del 16,1% compensato dal calo del 13,6% degli assicuratori vita,

In crescita il segmento degli assicuratori online con un incremento della raccolta premi dell’85% su base annua a oltre 700 milioni di dollari.

L’assicuratore dell’auto che ha causato un incidente è insolvente? Le vittime saranno risarcite integralmente dallo Stato dove sono residenti. In caso di sinistro transfrontaliero, la responsabilità finanziaria sarà in capo del settore assicurativo dello Stato membro in cui ha sede l’assicuratore, senza comportare ritardi nel risarcimento delle vittime.

Di cosa si tratta? Di una proposta della Commissione europea che punta a una maggiore tutela delle vittime di incidenti automobilistici, rafforzando allo stesso tempo i diritti degli assicurati.

La proposta di modifica della direttiva sull’assicurazione autoveicoli rende più semplice anche contrastare la circolazione di veicoli non assicurati, facilitando il compito delle autorità e intende allineare i livelli minimi di copertura assicurativa in tutti i Paesi UE. Gli assicuratori saranno quindi tenuti a trattare le attestazioni di esposizione passata ai sinistri messe negli altri Stati membri alla stregua di quelle rilasciate a livello nazionale, in modo da garantire che dovesse sottoscrivere una polizza all’estero, possa beneficiare di premi assicurativi più vantaggiosi come i consumatori nazionali.

Si pensa anche al potenziamento delle competenze in capo agli Stati membri in modo da contrastare il fenomeno della guida di veicoli non assicurati, fenomeno che incide sull’intera comunità in termini di incremento dei premi.