Innovazione: un mondo di proposte, un mondo di scelte

Come innovare. Scegliere quali tecnologie. Quando è il giusto momento per investire e come farlo. Decidere se percorrere la strada dell’innovazione da soli o meno.

Insomma un mondo di possibilità e proposta presentate e discusse al Global Summit for Insurance Innovation (GSII), tenutosi a Madrid l’1-2 giungo. Nella prima giornata sono state presentate le tante iniziative e programmi innovativi portati avanti a Madrid. La capitale spagnola è infatti terza quanto a innovazione in Europa, dopo Londra e Parigi.

Shwetank Verma, Head of Open Innovation di LumenLab ha spiegato l’intero processo di “innovazione aperta” svolto nel centro METLIFE a Singapore. “La collaborazione è la nuova innovazione”, ha detto. “I programmi così come le persone che li guidano servono a lanciare affari che creano valore, ma soprattutto per cambiare la mentalità dei nostri dipendenti per innovare”.

I vantaggi dell’innovazione e la collaborazione aperta sono stati anche al centro del discorso di chiusura: Elisabeth Martínez, CEO del Conector Startup Accelerator. “L’innovazione aperta viene da fuori a darvi delle idee, viene senza i suoi vizi senza i suoi vantaggi”, spiega Susana Pérez, direttore del INESE. Rivolgendosi ai responsabili delle società, ha detto che le start-up “vogliono solo accordi commerciali per accedere ai vostri clienti, ai vostri fornitori; nel primo periodo vogliono qualcuno che li aiuti a dimostrare che sono buone”.

Gala Montes, Business Development Manager di Comarch ha spiegato che gli assicuratori sono passati ad avere una strategia centrata sui clienti e non sui processi, perciò gli strumenti che utilizzano i loro agenti devono essere diversi. La strategia deve essere focalizzata sul cliente, ottimizzando al massimo l’esperienza dell’utente, multicanale (360 gradi) e facilitando al massimo la mobilità.

Maribel de la Vega, CIO Liberty Seguros ha parlato di alcuni dei principali cambiamenti che il settore assicurativo si trova ad affrontare, specialmente a seguito dell’evoluzione dei conumatori e delle nuove tecnologie.
Questi cambiamenti potrebbero mettere in dubbio il futuro di assicurazione, ma LIBERTY ritiene che ci attenda “un futuro luminoso”. “Ci saranno ancora rischi e noi siamo esperti nella loro gestione. Cambieranno, ma non spariranno e noi dobbiamo controllarli”, ha detto. Tuttavia, se è vero che la tecnologia apre una vasta gamma di possibilità in materia di innovazione, De la Vega consiglia di fare una scelta, perché “non possiamo fare tutto.” Nel gruppo, tre progetti innovativi sono concentrati su ‘social selling’ casa connessa ed economia collaborativa.

Da parte sua, Antonio Carrera, Sales Consultant di Guidewire ha ricordato che un recente studio di Gartner rivela che gli assicuratori in media spendono l’80% del loro tempo in attività di tutti i giorni lasciando solo il 20% del tempo a lavorare su progetti innovativi, “così nonostante si sia coinvolti in progetti di cambiamento costosi non sempre si ottengono i risultati attesi”.
A questo problema si aggiunge molte volte il blocco tecnologico. “Questo problema si verifica ogni volta che una decisione del passato limita radicalmente le possibilità del presente e quindi del futuro”, ha spiegato Carrera. Questo è quello che è successo a Kodak, che in realtà era l’azienda che ha inventato la fotografia digitale, ma doveva ancora ottenere utili dall’immagine stampata, e la stessa cosa succede gli assicuratori con la loro tecnologia legacy.

Christian Heigl, Reinsurance Development Senior Consultant di MUNICH RE, ha raccontato l’esperienza della compagnia nell’applicazione dell’intelligenza artificiale, dove è importante tanto la tecnologia quanto la qualità e il volume dei dati e di un team di specialisti che non è così facile da trovare al giorno d’oggi. Sottoscrizione automatizzata, rendere assicurabile ciò che non lo è (per esempio malattie come il diabete), la diagnosi precoce del danno, perizia visiva … sono alcune delle aree in cui Munich Re sta entrando grazie alla tecnologia.

Rubén Terceño, Solutions Architect senior di Mongo DB, ha spiegato le caratteristiche della tecnologia blockchain, che “crea una rete di fiducia” in base ai principi di coerenza, scalabilità e decentramento, e come Mongo DB fornisce questa tecnologia con vantaggi per gli assicuratori (contrattismart , continuità dei dati, riduzione delle frodi …).

L’Internet delle cose è stata analizzata attraverso tre mostre. I vantaggi della casa collegata sono stati esposti da Franck Pivert, direttore di soluzioni dirette e digitali in Allianz Worldwide Partners Francia, che ha sottolineato che è importante, piuttosto che la casa connessa “il servizio connesso”.
Da parte sua, Andrea Silvello, fondatore e partner di Digitaltech International, ha spiegato come l’assicurazione sanitaria si evolva in direzione di un ruolo più importante nella prevenzione della salute. Infine, David Artigot Marin, Development Business Manager Spagna e Portogallo diTomTom, ha presentato alcune proposte, sia B2B che B2C, che la telematica consente per l’auto connessa.

Dopo una breve introduzione di Roberto Garcia Godoy, Vicepresidente responsabile della trasformazione digitale della Financial Services Capgemini Spagna, sugli effetti della blockchain, il chatbots, l’intelligenza artificiale, l’internet delle cose e apprendimento automatico, nel settore assicurativo, Lucía González, Vice Presidente Responsabile Assicurazione di Capgemini in Spagna, ha moderato un dibattito a cui hanno partecipato Aitor del Coso, Chief Digital and Innovation Officer di MUTUA MADRILEÑA, José Manuel Corral, director de Negocio, Clientes e Innovación di MAPFRE, e Fernando García-Quismondo, Group Technology di Banco Santander.

In termini di innovazione, “essere in ritardo è altrettanto negativo quanto correre o andare nella direzione sbagliata” ha dichiarato Corral. “La cosa importante è stare sul carro del vincitore al momento giusto” ha aggiunto Del Coso.
Prudenza, in ogni caso, e scegliere la strada giusta tra le tante aperte. Uno di loro è la blockchain per Gruppo Santander.