Possiamo ambire a fare gli imprenditori?

Marketing

La filosofia della pratica
Venditori, agenti, assicuratori, intermediari, tanti nomi si sono succeduti negli anni per etichettare la categoria, e a ciascuno ha corrisposto una precisa e non sempre lusinghiera visione di una professione complessa. Dai tempi del venditore porta a porta, passando per il distributore di prodotti assicurativi, al presunto e, a volte sedicente, consulente assicurativo/finanziario, fino a? Qual è il futuro che, realisticamente, si può attendere una categoria spesso bistrattata ma caparbiamente resistente ai più disparati cambiamenti gestionali e normativi?

Autore: Emanuele Sarti
ASSINEWS 221 – giugno 2011

In un percorso in sei tappe ho affrontato le principali argomentazioni relative alla gestione d’Agenzia coniugando le versioni di due personaggi del tutto differenti – un filosofo ed un imprenditore del settore assicurativo – per tracciare una nuova linea di managerialità che sappia coniugare teoria e pratica, pensiero e azione per obiettivi complessi.
Si tratta di allontanarsi dai concetti usi di formule magiche e risposte di esperti per addentrarsi in un terreno meno scontato, meno banale, ma sicuramente più autentico.
Si tratta di unire due voci apparentemente differenti, due strade verosimilmente divergenti, per tornare alla sola idea che il pensiero – il nostro – debba guidare l’azione, la nostra. Così quanto segue è la risultanza di un matrimonio fra teoria e azione, una linea di pensiero e attività fondata su presupposti partecipati e soprattutto declinata in tecnica e strategia quotidiana.CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati