Rassegna Stampa assicurativa 31 maggio 2022

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

logo_mf

Il prossimo 16 giugno Iccrea alzerà il velo sull’ultimo piano industriale bancario di questa prima del 2022. Il gruppo cooperativo guidato dal dg Mauro Pastore punterà sulla diversificazione dei ricavi, Esg e partnership strategiche. Il gruppo è al bivio tra Cattolica e un nuovo partner per le polizze
Quasi l’80% degli etf e circa il 60% dei fondi attivi lanciati nel 2018 ha chiuso nel 2021, a soli tre anni dall’inizio delle attività. La quota di liquidazioni è in ascesa ormai da tempo, a riprova delle difficoltà incontrate dall’industria del risparmio gestito nell’innovare.
La partnership bancassicurativa tra Yolo e il gruppo Helvetia, partita nel 2018 e dedicata finora alle assicurazioni retail, si estende alle pmi grazie all’accordo con b-ilty, banca digitale di Illimity per le piccole e medie imprese.
La sensazione è che si voglia tentare di tenere le carte coperte almeno fino al cda previsto per la prossima settimana. Ieri è filtrato ben poco dal comitato nomine di Generali, presieduto dal presidente della compagnia, Andrea Sironi, riunito per tentare di ricucire la spaccatura che si è aperta sulla governance dopo che i tre consiglieri della lista di minoranza, Francesco Gaetano Caltagirone, Marina Brogi e Flavio Cattaneo, hanno fatto un passo indietro da tutti i comitati endoconsiliari della compagnia.
Nell’attuale contesto internazionale di incertezza e di grandi cambiamenti, il ruolo della corporate governance risulta cruciale «per far crescere il valore aggiunto condiviso» e soprattutto per «attuare le strategie di protezione nel futuro» alla luce delle nuove priorità.
  • sicuro.it
Il gruppo lancia 6sicuroevai, applicazione che offre l’assicurazione istantanea degli infortuni per conducente e passeggero
Le imprese dell’universo dei Cavalieri del Lavoro si sono dimostrate le più resilienti in tempi di Covid, a livello economico-finanziario e occupazionale. Grazie in particolare alla loro presenza all’estero, all’ampia gamma di beni e servizi offerti e alla propensione all’innovazione, senza mai tralasciare la prudenza. È quanto emerge dall’indagine della Crif Ratings commissionata dalla Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro (Fncl) e che confronta le 350 imprese che fanno capo ai Cavalieri del Lavoro (inclusi quelli insigniti dell’onorificenza nel 2021) con le altre aziende manifatturiere italiane.

Lo stipendio di 35 mila euro del 2020, in pensione vale 35.665 euro. E quando viene utilizzato per il calcolo della seconda quota, riferita all’anzianità maturata dopo il 31 dicembre 1992, sale sino a 36.022 euro. Ora è dunque possibile calcolare con esattezza una pensione con decorrenza nell’anno in corso, grazie ai coefficienti indicati dall’Istat (riportati nel messaggio Inps n. 4569/2022) che consentono di rivalutare le retribuzioni (i redditi nel caso dei lavoratori autonomi) da considerare per la determinazione della base annua pensionabile.
Si allarga il risarcimento diretto per la responsabilità civile auto negli incidenti stradali. È estesa alle imprese comunitarie, cioè le assicurazioni che hanno sede legale in altri Paesi Ue ma operano in Italia, la procedura ex articolo 149 Cda che consente al cliente di ottenere il risarcimento direttamente dalla propria compagnia. Il tutto «per eliminare un potenziale trattamento discriminatorio» a danno delle imprese nostrane. Lo prevede l’articolo 31 del ddl per legge annuale sulla concorrenza.
  • Generali
eserciterà l’opzione di rimborso anticipato su tutti i titoli di debito subordinato in circolazione quotati in Lussemburgo con scadenza luglio 2042 di importo nominale pari a 301,6 milioni di euro e con prezzo di rimborso anticipato 100%.

corsera

  • Generali, adesso Sironi sonda i consiglieri per la nuova governance
Prima riunione del comitato nomine e governance delle Generali. Dopo le dimissioni a sorpresa dal board di Francesco Gaetano Caltagirone, venerdì scorso, l’incontro di ieri ha avuto come previsto un risultato ancora interlocutorio. Nel comitato presieduto da Andrea Sironi, al vertice delle Generali, si è iniziato a discutere della sostituzione di Caltagirone in consiglio, passaggio chiave per poter aprire alle minoranze i comitati e completare l’assetto. È un lavoro che comunque procede di buon passo, con un board non ancora convocato ma che dovrebbe tenersi la prossima settimana per discutere sia dell’integrazione del board sia dell’architettura finale dei comitati dopo il lavoro istruttorio svolto dal comitato nomine. Lo statuto del Leone prevede la cooptazione di un candidato dello stesso genere di chi ha lasciato, norma studiata a tutela delle quote rosa. Quindi Roberta Neri, l’ex ceo dell’Enav, quarta della lista promossa da Caltagirone, in teoria non potrebbe entrare in cda, a meno che tutti gli altri candidati non diano la loro indisponibilità.
  • Ania-Procura di Napoli, protocollo contro le frodi
Ania e la Procura di Napoli hanno siglato un protocollo che sancisce una collaborazione tra l’associazione, gli organi inquirenti e la magistratura per coordinare le reciproche azioni di contrasto alle frodi assicurative.
  • Esplode power bank, studenti in ospedale
Prima il fumo che esce dallo zaino di un compagno, poi un boato improvviso e l’odore di bruciato. L’esplosione di una power bank (la batteria esterna che serve per ricaricare il cellulare), che si trovava nella cartella di un alunno, ha fatto scattare il panico, ieri mattina, in una seconda dell’Istituto Alberghiero Amerigo Vespucci di Milano. Sette le persone coinvolte: sei studenti tra i 15 e i 16 anni e un’insegnante, di 57 anni. Il proprietario del dispositivo, 15 anni, e la compagna di banco, i più esposti al fumo della batteria al litio, sono stati portati in ospedale per lievi sintomi da intossicazione. Gli altri sono stati visitati sul posto. Una diciassettenne di un’altra classe, sofferente per una patologia, ha accusato a sua volta un malore (forse per lo spavento) ed è finita in ospedale, ma ora sta meglio.

Repubblica_logo

  • Generali dopo Caltagirone ipotesi Neri
Il Comitato Nomine e Governance di Generali avrebbe concluso le due delicate istruttorie in corso. E un cda del gruppo sarà convocato lunedì o martedì, per sostituire il consigliere Francesco Gaetano Caltagirone e per proporre un’ipotesi di Comitato investimenti. Questo comitato ancora non è formato, dopo che il 12 maggio i tre consiglieri di minoranza rifiutarono di entrare nei comitati consiliari, contro la soppressione di quello dedicato alle strategie, che in passato preparava le acquisizioni. Dette “strategie” potrebbero, nella mediazione allo studio, tornare sotto il Comitato investimenti, come fu dal 2017 al 2019.

  • Stop all’assicurazione per i bonus diversi dal 110%
Per i bonus diversi dal 110% ai professionisti non è richiesta la stipula di una polizza assicurativa per il rilascio delle asseverazioni e delle attestazioni. Dice questo la circolare 19/E delle Entrate, pubblicata venerdì scorso, in un passaggio che, nella prima versione del documento, non compariva e che è stato aggiunto nel weekend, in una seconda versione del testo. Non è una retromarcia, perché mai l’Agenzia si era espressa sul tema, ma è certamente un’indicazione che cambia, con qualche mese di ritardo, le regole di ingaggio per il mercato delle polizze professionali.
Il presidente Mattarella ha nominato i 25 nuovi Cavalieri del lavoro
Verso il 2 giugno. Dal 1901 sono 631 gli insigniti dell’onorificenza tra agricoltura, industria, commercio, artigianato, credito e assicurazioni (Sergio Balbinot)
  • Generali, il cda sonda Neri per sostituire Caltagirone Pronte nuove barricate

  • Credito immobiliare: la riforma dell’assicurazione mutui rimescola le carte
Assicuratori e bancassicuratori affilano le armi, la legge Lemoine sull’assicurazione mutui è in vigore da giugno. Aumenta la concorrenza, ma costringe gli operatori del settore a rivedere il modo in cui selezionano i clienti, che potranno cambiare assicuratore in qualsiasi momento