Le frodi nei sinistri catastrofe costano agli assicuratori P&C da 4,6 a 9,2 mld $ in più

Frodi, controversie, inflazione dei sinistri, inflazione sociale, spese di loss adjustment: sembra che ci sia una moltitudine di motivi per cui i sinistri delle assicurazioni contro le catastrofi naturali si amplificano e i costi dei sinistri più elevati finiscono per riversarsi sui fornitori di capitale riassicurativo, compresi i fondi ILS e gli investitori.

Ma è difficile quantificare da dove provengano i costi dei sinistri gonfiati e quali componenti siano significativi per il settore della riassicurazione e delle insurance-linked securities (ILS), secondo quanto sottolinea Reinsurance news.

Il National Insurance Crime Bureau (NICB) ha svolto un lavoro analitico per quantificare l’impatto di uno dei fattori inflazionistici più attuali per i sinistri catastrofali e di maltempo, particolarmente rilevante per il mercato ILS e riassicurativo: i sinistri fraudolenti.

Il NICB ha dichiarato che nel 2021 gli assicuratori del settore property and casualty (P&C) negli Stati Uniti hanno pagato tra i 4,6 e i 9,2 miliardi di dollari in più in sinistri catastrofali a causa di frodi assicurative.

Si tratta di “un costo che gli assicurati sostengono attraverso i loro premi assicurativi”, si tratta di uno stimolo inflazionistico per i premi assicurativi.

Ma a pagarne le conseguenze sono anche i fornitori di capitale riassicurativo, in quanto le richieste di risarcimento fraudolente fanno aumentare le stime per gli assicuratori del ramo Danni, che si ritrovano a trasferire più perdite attraverso le quote e ad attingere più facilmente agli accordi di riassicurazione excess of loss.

Il NICB stima che le frodi in caso di catastrofe aggiungano dal 5 al 10% al conto totale dei sinistri assicurativi pagati in seguito a un evento disastroso.

Inoltre, il Federal Bureau of Investigation ha rilevato che degli 80 miliardi di dollari di finanziamenti governativi per la ricostruzione dopo l’uragano Katrina, le frodi assicurative potrebbero aver rappresentato 6 miliardi di dollari, ovvero circa il 7,5%.

Nessuna discussione sulle frodi assicurative sarebbe completa senza un focus sulla Florida, dove i costi delle controversie e delle frodi hanno causato gran parte della situazione di crisi assicurativa immobiliare che vediamo oggi.

I sinistri contestati continuano ad aumentare nello Stato della Florida, gonfiando i premi per i consumatori e i recuperi riassicurativi per i vettori, oltre a determinare maggiori perdite per il capitale ILS.