Hannover Re: utile in calo a 264 milioni di euro nel I trimestre

Hannover Re ha registrato un utile di 264 milioni di euro per il primo trimestre del 2022, nonostante le perdite da catastrofi superiori al budget nella sua attività di riassicurazione property and casualty (P&C) e le perdite aggiuntive legate alla pandemia nel settore vita e salute (L&H).

L’utile netto del Gruppo è tuttavia sceso di quasi il 14% rispetto ai 306 milioni di euro di un anno prima, mentre l’utile operativo è passato dai 404 milioni di euro del primo trimestre 2021 ai 396 milioni di euro del primo trimestre 2022.

Nel complesso, i premi lordi contabilizzati sono aumentati di circa il 20% a 9,3 miliardi di euro nel primo trimestre dell’anno, mentre i premi netti sono aumentati del 18% a 6,7 miliardi di euro.

Nell’ambito dell’attività riassicurativa P&C dell’azienda, le catastrofi naturali hanno avuto un impatto significativo nel Q1 2022, con spese per grandi perdite che hanno raggiunto 336 milioni di euro, al di sopra dell’importo preventivato di 284 milioni di euro per il periodo. Secondo Hannover Re, le maggiori perdite individuali sono state le inondazioni in Australia con un costo di 186 milioni di euro, le tempeste di vento Ylenia/Zeynep con un costo di 124 milioni di euro e l’affondamento della nave cargo Felicity Ace con un costo di 14 milioni di euro.

Per quanto riguarda la guerra in corso in Ucraina, Hannover Re dice che ha stabilito un ulteriore accantonamento generale nella gamma bassa di tre cifre milioni di euro nel primo trimestre per possibili perdite.

In una nota, Hannover Re spiega che la riserva per l’Ucraina è pari a circa il 3% dei premi netti incassati, il che implica un accantonamento di poco inferiore, ma vicino ai 150 milioni di euro.

Il combined ratio del segmento P&C ha chiuso il primo trimestre del 2022 al 99,5% rispetto al 96,2% di un anno prima, il che significa che ha superato il livello target non superiore al 96%. Il riassicuratore spiega che il risultato della sottoscrizione P&C, compresi gli interessi sui fondi trattenuti e i depositi contrattuali, è stato ben al di sotto del livello visto nel primo trimestre 2021, con soli 26 milioni di euro.

La raccolta premi lorda nel settore P&C è aumentata del 26% rispetto all’anno precedente, a 7,1 miliardi di euro.

Ma nonostante le perdite arrivino sopra il piano, il segmento P&C ha comunque prodotto un utile operativo di €284 milioni nel 1° trimestre 2022 rispetto ai €312 milioni del 1° trimestre 2021. L’utile netto di P&C è sceso dai 261 milioni di euro dello scorso anno ai 177 milioni di quest’anno.

Passando alla divisione riassicurativa L&H la pandemia è rimasta la questione dominante, soprattutto in relazione alle coperture di mortalità. Hannover Re ha registrato ulteriori 123 milioni di euro di perdite legate alla pandemia nel primo trimestre del 2022, anche se queste sono diminuite progressivamente nel corso del periodo.

I premi lordi della riassicurazione L&H sono  aumentati del 3,2% a 2,2 miliardi di euro. Il risultato operativo del segmento è aumentato di un impressionante 23% a 113 milioni di euro nel trimestre, mentre l’utile netto è salito del 78% a 101 milioni di euro nel 1° trimestre 2022.

Guardando al futuro, il riassicuratore nota che è ancora troppo presto per mettere una cifra definitiva sulle perdite per i mercati della ri/assicurazione dalla guerra in Ucraina.

A livello di gruppo, il riassicuratore si aspetta un utile netto compreso tra 1,4 e 1,5 miliardi di euro per il 2022, nell’ipotesi che i costi dei grandi sinistri non superino materialmente il livello previsto di 1,4 miliardi di euro, che la COVID-19 non abbia un significativo impatto inatteso sul risultato della riassicurazione L&H e che non si verifichino sviluppi imprevisti sui mercati dei capitali.